“Un Giorno Ordinario” di Niki Leonetti

Pubblicato da: Alessio Giardini Categoria: Testimonianze Data di pubblicazione: 11 marzo 2018

Il video di Niki Leonetti un ragazzo disabile che sogna un mondo in cui la disabilità è una risorsa

“Si può fare: perché no?” è il progetto di Niki Leonetti, ventiquattrenne disabile dalla nascita che sogna una società in cui la disabilità venga considerata una risorsa. Nel 2013 insieme a un gruppo di giovani ha dato vita a un progetto che lo porta nelle scuole a condividere che basta poco per ottenere grandi risultati. Lo testimonia anche il video Un giorno ordinario, che ha riscosso un grande successo su Facebook.

Niki Leonetti è nato a Verona nel 1992. Fin dalla nascita, in seguito a una ipossia cerebrale, è affetto da una paresi a livello sinistro e un po’ più lieve a destra, con disabilità motoria. Nel 2013 ha fondato il progetto “Si può fare: perché no?”, in cui sfrutta l’esperienza del servizio civile e quella come animatore per promuovere l’inclusione sociale delle persone con disabilità. La sua missione è abbattere le barriere mentali e i pregiudizi nei confronti del diverso, spiegando in che modo la diversità può diventare una risorsa. Dai bambini delle scuole elementari fino agli adulti:

Si può fare: perché no?

si rivolge proprio a tutti, perché sa parlare con semplicità attraverso racconti e video, condividendo il suo messaggio con sempre più persone.

Il videoclip di Niki Leonetti: un giorno ordinario

Un Giorno Ordinario è il nuovo videoclip di Niki Leonetti, ventiquattrenne con una disabilità dalla nascita, che sogna una società in cui la disabilità venga considerata una risorsa. Questo sogno si è trasformato in Si può fare: perché no?, un progetto nato tre anni fa da un team di giovani che crede nell’inclusione delle persone con disabilità.

A volte basta così poco! Niki Leonetti

Spesso nelle nostre comunità accade che le persone con disabilità trascorrano la loro vita su un binario separato dalla nostra società. Inclusione invece significa condividere un viaggio insieme, non su due binari separati, ma sullo stesso binario. A volte basta anche solo un abbraccio per realizzare inclusione e donarla a chiunque con un piccolo gesto.

I traguardi di Si può fare: perché no?

Niki Leonetti da tre anni viaggia per le scuole italiane e nei convegni pubblici per raccontare la sua storia e di come sia possibile attuare l’inclusione a scuola, a lavoro e nelle nostre comunità.

Ad oggi ha svolto, insieme al suo team, più di 200 incontri nelle scuole e nei comuni del Nord Italia, partecipando anche a due edizioni del Treno della Memoria a Cracovia come relatore.

Un giorno ordinario è una provocazione a chi guarda alla disabilità come un peso. Per Niki non c’è nulla di straordinario a vivere con una disabilità quando si viene inclusi. L’amore e l’affetto degli amici e della sua famiglia lo aiutato a vivere la sua quotidianità con coraggio e positività. Il suo obiettivo è proprio di fare in modo che tutte le persone con disabilità vengano viste come una risorsa della quale non si può fare a meno.

Se credete anche voi che sia possibile realizzare il nostro di Niki potete contattare il team scrivendo a sipuofare.percheno@gmail.com.

Niki Leonetti: Si può fare: perché no?

è disponibile per incontri formativi, assemblee d’istituto o serate informative.

Niki Leonetti

E il team di Si può fare: perché no? Pagina Facebook  E-mail: sipuofare.percheno@gmail.com

 


Puoi trovare interessante leggere Beatrice VioAlex ZanardiNicholas James VujicicIacopo MelioMassimiliano Sechioppure le raccolte di: Frasi sulla disabilitàFrasi MotivazionaliFrasi importanti sulla VitaFrasi disabilità e SportFrasi sulla determinazione e aforismi sulla tenacia.

Oppure puoi consultare le sezioni di Approfondimenti come Ausili per disabilisport per disabiliviaggi per disabilibiografie e Testimonianze… oppure le recensioni sugli ausili.

Entra nel Gruppo Facebook Disabilinews.com


Mi piacerebbe tanto leggere un tuo COMMENTO…
vorrei scoprire dove trovi la tua motivazione per i tuoi Successi

 

 

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *