Museo Nazionale dell’Alta Val d’Agri

La fondazione del Museo Archeologico Nazionale dell’alta Val d’Agri fu voluta da Dinu Adamesteanu, primo Soprintendente della Basilicata. Costruito a partire dalla fine degli anni ’80 del secolo scorso, il primo nucleo del Museo è stato inaugurato il 15 dicembre 1995. E’ di proprietà del demanio dello Stato.

Il Museo sorge in una località circondata da boschi,  attraversata nell’antichità dall’acquedotto romano che dalla località Castagneta di Moliterno conduceva l’acqua  in città, tramite  strutture in opus reticulatum di cui restano tratti nel vicino agro e lungo il pendio del sito urbano. Il pianoro su cui è stata fondata la città romana domina la confluenza dello Sciaura con l’Agri, luogo in cui nel 312 d.C. fu martirizzato San Laverio.

Storia delle ricerche

Le prime indagini sul sito della città romana di Grumentum  furono condotte nel Settecento da Carlo Danio, scavi sistematici sono stati diretti nel’900 da Pellegrino Claudio Sestieri, titolare della Soprintendenza di Salerno e, a seguito dell’Istituzione della Soprintendenza alle Antichità della Basilicata nel 1964 e con l’apertura di un ufficio  distaccato a Grumento Nova nel 1978, da Liliana Giardino e da Paola Bottini.

Le collezioni esposte provengono solo  in piccola parte da scavi eseguiti occasionalmente  nell’800  (reperti preistorici della loc. S. Giuliano: resti di zanna, di molari e di femore di elephas antiquus e denti di erbivori, di circa 500.000 anni fa) o da reperti, soprattutto epigrafi, in parte già citati dal Mommsen nel Corpus Inscriptionum Latinarum (Berlino 1883).

Per il resto si tratta di materiale scavato soprattutto dopo l’istituzione della Soprintendenza Archeologica (1964) tra gli anni ’70 e il 2007 nei territori dell’Alta Val d’Agri ed attengono a contesti neo-eneolitici (ad es. la loc. Porcili di Viggiano, Valle  di Marsico Vetere ecc.) , dell’età del Bronzo (località Camporeale di Marsiconuovo, Serio – La Civita di Marsovetere, Civita e Coltura di Paterno, Murgia Sant’Angelo di Moliterno ecc.), di periodo lucano ( loc.  Castelluccio,  Catacombelle, Masseria Nigro, Porcili, Serrone etc. di Viaggiano ecc.) e romano (loc. Pedale la Grotta di Marsicovetere, Maiorano di Viaggiano ecc.) e medievale (Castello dei principi Pignatelli a Moliterno).

Ascensore a norma: sì
Audioguide: non presenti
Barriere architettoniche: non presenti
Servizi igienici per disabili: sì


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *