Stephen William Hawking Biografia e Storia

Pubblicato da: DisabiliNews Redazione Categoria: Biografie Data di pubblicazione: 16 Marzo 2017

Stephen William Hawking a scuola non era particolarmente brillante, anzi, era assai sfaticato e pigro, sempre pronto agli scherzi. Oggi invece, quasi ricalcando il mito del genio che vive “sotto mentite spoglie” e sboccia improvvisamente, si occupa dei grandi problemi della fisica relativistica e di meccanica quantistica.

La sua intelligenza, a detta degli esperti, è di tipo particolare, fatta solo per le cose grandi e complesse. Ad ogni modo, non mancano gli episodi che già facevano intravedere qualcosa di “alieno” nel suo modo di ragionare e di affrontare i problemi.

la storia di Stephen William Hawking

Stephen William Hawking nasce il giorno 8 gennaio 1942 a Oxford, morto il 14 marzo 2018. Da ragazzo aveva pochi amici con i quali però faceva lunghe discussioni e dispute su qualsiasi argomento, dai modellini telecomandati alla religione, alla parapsicologia, alla fisica.

Lo stesso Stephen ricorda: “Una delle cose di cui parlavamo era l’origine dell’universo e se ci fosse stato bisogno di un Dio per crearlo e per metterlo in movimento.

Avevo sentito dire che la luce proveniente da galassie lontane è spostata verso l’estremo rosso dello spettro e che questo fatto dovesse indicare che l’universo è in espansione (uno spostamento verso l’azzurro significherebbe che esso è in contrazione).

Ero sicuro che dovesse esserci qualche altra ragione per lo spostamento verso il rosso. Forse nel suo viaggio verso di noi la luce si affaticava, e quindi si spostava verso il rosso. Sembrava molto più naturale un universo essenzialmente immutabile ed eterno”.
Solo dopo due anni di ricerche per il dottorato si renderà conto di essere in errore.

Stephen William Hawking

Quando a tredici anni viene colpito da una serie di dolorose febbri ghiandolari, nessuno ci fa caso e si pensa a normali scompensi della crescita.
Nel corso del terzo anno di studi però le mani cominciano a dargli qualche problema.
Ciò non gli impedisce di laurearsi a pieni voti a soli vent’anni. L’accademia universitaria lo accoglie a braccia aperte perché potesse continuare i suoi studi sulla relatività generale, i buchi neri e l’origine dell’universo.

Le difficoltà nell’uso delle mani lo convincono a sottoporsi a nuovi esami. Gli tolgono un campione di muscolo e gli iniettano un fluido nella spina dorsale. La diagnosi è terribile: sclerosi amiotrofica laterale, una malattia che provoca la disintegrazione delle cellule nervose e con essa una morte rapida.
Gli vengono concessi due anni e mezzo. Non cede. Al contrario, si dedica all’impresa con maggiore dedizione.

Nel 1965 sposa Jane Wilde, che per venticinque anni gli farà da moglie e da infermiera, dandogli anche tre figli.

Nel 1975 gli viene assegnata in Vaticano la medaglia d’oro intitolata a Pio XII e nel 1986 viene addirittura ammesso all’Accademia Pontificia delle Scienze, malgrado le sue teorie non si accordino del tutto con una interpretazione creazionista del cosmo.
Intanto nel 1979 viene nominato titolare della cattedra di matematica già occupata da Isaac Newton.
In questi anni, ormai completamente immobilizzato, è unicamente servendosi della voce che continua a insegnare a un drappello di fedelissimi studenti.

Tra il 1965 e il 1970 elabora un modello matematico che dimostra l’evoluzione dell’universo attraverso il big bang; negli anni ’70 compie importanti studi sui buchi neri, divulgati in seguito al grande pubblico attraverso il comunque arduo (malgrado le intenzioni dell’autore), “Dal Big Bang ai buchi neri”

 

La Malattia di Stephen William Hawking

Nato da genitori istruiti nel 1942 (sua madre e suo padre avevano entrambi frequentato Oxford), Stephen William Hawking mostrò una precoce attitudine per la matematica e la scienza. Aveva un’immaginazione attiva e adorava giocare a giochi da tavolo di sua invenzione e speculare sulle stelle. Sebbene suo padre, un ricercatore di medicina, avrebbe preferito dedicarsi alla medicina, era chiaro che Stefano era più interessato a corpi di tipo celeste.

A 17 anni, entrò nella scuola materna dei suoi genitori, dove a tutti gli effetti non era uno studente modello. Tuttavia, senza troppi sforzi, si laureò con lode nella materia scelta di scienze naturali e proseguì per Cambridge, dove avrebbe conseguito il dottorato in cosmologia.

Arrivato nel 1963 a Cambridge, le accresciute difficoltà nell’uso degli arti lo spinsero a sottoporsi ad accertamenti medici. Gli venne diagnosticata una malattia degenerativa dei motoneuroni, che comprometteva la funzione di governo della contrazione muscolare: in particolare si pensò allora alla sclerosi laterale amiotrofica SLA o a malattia a essa correlata. Stephen William Hawking cominciò a usare un bastone, e in seguito la sedia a rotelle.

Nonostante la depressione seguita alla diagnosi, che ufficialmente gli lasciava solo due anni di vita, proseguì alacremente gli studi, convolando successivamente a nozze con Jane Wilde, sua prima moglie, che gli farà da infermiera e dalla quale avrà tre figli: Robert (1967), Lucy (1970) e Tim (1979).

 

Stephen Hawking

 

Idee innovative di Stephen William Hawking

Sebbene la malattia di Stephen William Hawking sia progredita rapidamente e duramente, ironicamente ha avuto un effetto positivo sul suo lavoro. Nonostante la sua mente brillante, Hawking era stato uno studente in gran parte indifferente per gran parte della sua carriera accademica; una volta diagnosticato, ha proseguito i suoi studi con nuova serietà.

Profondamente interessato a come è iniziato l’universo, così come alle nuove teorie sulla natura dei buchi neri (che non sono affatto buchi, ma densi ammassi di stelle morte con forte attrazione gravitazionale), Stephen William Hawking ha iniziato a separare le nozioni accettate di nero comportamento buco.

Il suo libro The Large Scale Structure of Space-Time , pubblicato nel 1973 in collaborazione con il collega scienziato George Ellis, prese come base la Teoria della relatività di Einstein e sviluppò teorie sulla natura dei buchi neri (inclusa l’emissione di particelle in seguito soprannominata “Radiazione di Hawking” “), L’espansione dell’universo e la relazione tra spazio e tempo. Un lavoro difficile di fisica quantistica teorica, è stato salutato come un punto di svolta nella comunità scientifica.

Non ancora 33 enne, Stephen William Hawking è stato nominato un membro della Royal Society (il corpo più istruito dell’Inghilterra). Alla fine degli anni ’70, ha ricoperto la cattedra di Lucasian Professor of Mathematics a Cambridge, una posizione fondata nel 1663 e ricoperta solo da 16 uomini prima di lui (incluso Isaac Newton ). Seguirono molte altre onorificenze mentre Hawking continuava il suo lavoro come insegnante e ricercatore, anche se la sua malattia rendeva ogni sforzo più impegnativo.

Perseverare con la tecnologia

Alla fine degli anni ’70, Stephen William Hawking aveva bisogno di cure costanti. Il suo discorso era diventato difficile da capire, i suoi muscoli si erano atrofizzati al punto da rendere impossibile persino nutrirsi e scrivere. Hawking temeva di essere imprigionato in un corpo che non poteva più usare per comunicare idee e bisogni. Un attacco di polmonite e conseguente tracheotomia nel 1985 peggiorarono ulteriormente le sue condizioni e Stephen William Hawking perse completamente la voce.

La tecnologia informatica ha affrontato il problema di aiutare i disabili a parlare e funzionare per diversi anni e Hawking ha iniziato immediatamente a imparare il lento sistema di scegliere le sue lettere e le sue parole da un menu su schermo. Inizialmente era in grado di usare le dita per fare clic, ma alla fine sarebbe stato costretto a usare un sensore attaccato al suo muscolo della guancia. Il software di tecnologia vocale ha dato a Stephen William Hawking una voce parlante, un suono robotico che è diventato così strettamente identificato con lui che ha scelto di continuare a usarlo anche quando sono diventati possibili altri suoni vocali.

Il Successo popolare di Stephen William Hawking

Stephen William Hawking  ha continuato a scrivere e pubblicare in modo prolifico negli anni ’70 e ’80, deciso a continuare il suo lavoro nonostante le battute d’arresto dell’apprendimento di nuovi sistemi di comunicazione. Nel 1988, ha prodotto A Brief History of Time: dal Big Bang ai Black Holes, un riassunto semplificato delle sue teorie di base su misura per un vasto pubblico.

Il breve libro è arrivato inaspettatamente in cima alla lista dei migliori venditori, dove è rimasto per diversi anni. Diffondere la scienza dura a un pubblico popolare sarebbe diventato uno dei principali progetti di Hawking nella seconda metà della sua vita. Libri come Black Holes e Baby Universes (1994), The Universe in a Nutshell (2001) e A Briefer History of Time (2005) miravano tutti a trasmettere idee nate dall’alta matematica e dalla teoria complicata ai non scienziati interessati a domande fondamentali sull’origine dell’universo e sul posto dell’umanità al suo interno.

Sfortunatamente, mentre la carriera di Hawking si espandeva verso l’esterno come l’universo di cui scriveva, la sua vita domestica si contrasse. Secondo le sue memorie, sua moglie Jane trovava sempre più difficile gestire le cure di Hawking, la sua nuova celebrità e il suo disprezzo per le sue credenze religiose.

Hawking, nel frattempo, divenne risentito per sua moglie e sposò una delle sue infermiere, Elaine Mason, dopo che il suo divorzio da Jane fu definitivo. Il nuovo matrimonio di Hawking non avrebbe avuto la longevità del primo, tuttavia, e ha divorziato dalla sua seconda moglie nel 2006. Hawking avrebbe poi ristabilito i contatti con la sua prima moglie e famiglia e avrebbe mantenuto buoni rapporti con loro fino alla sua morte.

 

Anni finali di Stephen William Hawking

Nei suoi ultimi anni, mentre schivava l’occasionale paura della salute, Stephen William Hawking continuò a studiare e scrivere sulle questioni che lo interessavano di più delle origini dell’universo. Ha anche corteggiato la celebrità che i suoi libri populisti hanno ispirato e fatto varie incursioni nella cultura pop, incluse apparizioni in programmi televisivi come Star Trek: The Next Generation , The Big Bang Theory e Late Night con Conan O’Brien.

I cineasti hanno trovato la sua storia interessante e sono stati realizzati diversi film su di lui, tra cui i documentari A Brief History of Time (1991) e Hawking (2013) e i film biografici Hawking (2004) e The Theory of Everything(2014). Hawking stesso ha ripercorso la sua vita nel libro My Brief History del 2013, una breve autobiografia scritta con diretta tipicità e mancanza di sentimento. “Cinquant’anni dopo, posso essere tranquillamente soddisfatto della mia vita”, ha concluso.

Hawking sperava che avrebbe potuto viaggiare nello spazio prima della fine della sua vita. Questo non doveva accadere. Anche se non è mai entrato nello spazio da solo, si potrebbe dire che ha portato spazio sulla Terra attraverso i suoi scritti.

Pochi scienziati sognano idee grandi quanto quelle di Stephen William Hawking e meno fanno ancora ogni tentativo di condividerle con il resto del mondo. Hawking realizzò entrambe queste cose, la sua mente libera da un corpo rilassato, immobile e da un viso privo di espressione.

Alla fine, Hawking non fu più in grado di sfuggire al progresso del tempo di chiunque altro; lo aveva sfidato per così tanto tempo e con un risultato così profondo, che sembrava che il tempo si fosse allungato per fargli spazio. Sebbene quella finestra sia ora chiusa, le idee che ha lasciato alle spalle rischiano di risuonare per molto tempo a venire.

Il numero di persone che si potrebbe dire che abbiano cambiato il modo di pensare del mondo sono poche; Stephen William Hawking era uno di loro, e come Galileo , che condivideva la sua data di nascita, il suo nome vivrà non solo nella comunità scientifica, ma nella più ampia storia del nostro mondo.

 

 


Puoi trovare interessante leggere Alex ZanardiBeatrice VioNadia ToffaNicholas James VujicicIacopo MelioMassimiliano SechiSofia RighettiBenedetta De LucaNicole OrlandoEsther VergeerMadeline StuartAndrea BocelliRay Charles e  oppure le raccolte di: Frasi sulla disabilitàFrasi MotivazionaliFrasi importanti sulla VitaFrasi disabilità e SportFrasi sulla determinazione e aforismi sulla tenacia.

Oppure puoi consultare le sezioni di Approfondimenti come Ausili per disabilisport per disabiliviaggi per disabilibiografie e Testimonianze… oppure le recensioni sugli ausili.

Entra nel Gruppo Facebook Disabilinews.com


Mi piacerebbe tanto leggere un tuo COMMENTO…
vorrei scoprire dove trovi la tua motivazione per i tuoi Successo

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *