Hockey su slittino per disabili, Para Ice Hockey

Hockey su slittino per disabili, Para Ice Hockey

DISCIPLINA PARALIMPICA

L’Hockey su slittino per disabili è la variante per persone con disabilità del classico gioco dell’hockey su ghiaccio ed è disciplina olimpica dal 1994; dal 2017 il CIP ha ribattezzato questo sport come Para Ice Hockey.

Il campionato italiano di hockey su slittino, ovvero il Campionato italiano Ice Sledge Hockey, un tempo veniva organizzato dal Comitato Italiano Paralimpico (CIP), mentre ora ad occuparsene è proprio la FISG (Federazione Italiana Sport del Ghiaccio) così come succede per il wheelchair curling.

 

Chi partecipa all’hockey su slittino

I partecipanti sono persone che non dispongono, a causa di traumi o di condizioni genetiche, dell’utilizzo degli arti inferiori, che però riescono a coordinarsi normalmente e che hanno una buona forza in braccia e tronco.

Una disciplina molto fisica dai ritmi veloci, riservata ad atleti di sesso maschile.

 

Scopo e regole dell’hockey su slittino per disabili

  1. Lo scopo in una partita di hockey su slittino o Para Ice hockey, è quello di infilare il disco in rete.
  2. Per farlo ogni squadra dispone di sei giocatori, 5 in movimento ed uno in porta.
  3. Mentre nell’hockey tradizionale vengono indossati i pattini da ghiaccio, nell’hockey su slittino, viene appunto utilizzato uno slittino, che esattamente come i pattini è dotato di lame.

 

hockey su slittino per disabili

 

Le differenze sostanziali quindi si trovano nell’equipaggiamento che comprende, oltre al classico bastone con estremità a pala per colpire il PUCK (il disco), un secondo bastone con un terminale a punta che permette la spinta e la propulsione necessaria per far muovere la slitta come si desidera.

Ogni atleta è assicurato alla sua seduta e riesce manovrare lo slittino non solo con il bastone ma anche con la forza e gli spostamenti che riuscirà ad effettuare con il tronco e le braccia.

Questi slittini sono realizzati proprio per rispondere nel modo più veloce ed agile possibile ai cambi di direzione tipici del gioco dell’hockey per disabili.

Mentre i 5 giocatori dispongono delle attrezzature che abbiamo elencato, il portiere ha a disposizione un solo bastone ed un guanto, utile per afferrare il disco con le mani, al volo.

Essendo a stretto contatto con il Puck in velocità e quindi esposto a maggiore pericolo, il portiere dispone di gusci maggiormente protettivi sul suo slittino e di lame poste a distanza più grande per garantire più stabilità ed evitare il ribaltamento dello slittino.

A parte queste questioni puramente meccaniche, possiamo dire che per quanto riguarda le regole del gioco queste restano invariate ad eccezione della durata dei tempi di gioco, che passano dall’essere 3 per 20 minuti a 3 per 15 minuti, con un risparmio complessivo di 15 minuti a match.

 

 

Attrezzature utili nell’hockey su slittino per disabili

  • Uno slittino munito di due lame
  • Due mazze da gioco, dotate di doppia funzione, una di spinta ed una di controllo e tiro del disco

 

La squadra paralimpica a Sochi 2014

  • Gabriele Araudo
  • Santino Stillitano
  • Giuseppe Condello
  • Gianluigi Rosa
  • Bruno Balossetti
  • Gianluca Cavaliere
  • Roberto Radice
  • Werner Winkler
  • Rupert Kanestrin
  • Florian Planker
  • Christoph Depaoli
  • Nils Larch
  • Andrea Chiarotti
  • Gregory Leperdi
  • Valerio Corvino
  • Andrea Macrì
  • Igor Stella

Medagliere nazionale Italiana Hockey su slittino

CAMPIONATO EUROPEO

2005 – 6°POSTO

2007 – 6°POSTO

2011 – 1°POSTO

2016 – 2°POSTO

 

CAMPIONATO MONDIALE

2008 – 6°POSTO

2009 – 6°POSTO

2012 – 6°POSTO

2013 – 6°POSTO

2015 – 5°POSTO

2017 – 5°POSTO

 

GIOCHI PARALIMPICI INVERNALI

2006 – 8°POSTO

2010 – 7°POSTO

2014 – 6°POSTO

 

Squadre italiane campionato hockey su slittino per disabili – Para Ice hockey

  • Sporttdipiù Tori seduti Torino
  • South-Tyrol Eagles
  • Armata Brancaleone Varese

 

  • Cuscino Ergo Dry Feel ultra traspirante Saponetta

    0 out of 5

    Il guanciale Ergo Dry Feel ultra traspirante. L’unione di 2 schiumati con diverse proprietà di altissima qualità creano un guanciale dalle molteplici soluzioni.

    La base sagomata del cervicale o del saponetta è uno schiumato ad acqua con polioli vegetali di soia, con numerosi canali per favorire un adattamento alla forma della testa; Dal lato opposto è stato accoppiato uno strato bugnato automassaggiante di DRY FEEL rinomato materiale per le sue proprietà di far circolare l’aria ad ogni movimento favorendone la dispersione dell’umidità. Potete scegliere voi su quale dei 2 lati riposare.

    53,00
  • Sacco a pelo e pile per disabili

    0 out of 5

    Sacco a pelo per disabili, misura extra lunga. Soluzione molto pratica per ripararsi dal freddo durante di inverni anche più rigidi. La Giacca in pile foderato impermeabile e’ progettato per la massima vestibilità per persone in carrozzina.

    Caratteristiche: 
    Giacca in pile foderato impermeabile copertura per il corpo sotto
    Lo schienale offre calore e comfort
    Zip extra grande anello permette un facile accesso
    Si adatta a tutte le sedie a rotelle manuali
    Ideale in combinazione con il poncho per sedia a rotelle

    47,96
  • Limiti. Cronaca riflessa di un viaggio «gamba in spalla» di Roberto Bruzzone

    0 out of 5

    Roberto Bruzzone, noto ai più come Robydamatti, il camminatore con la gamba in spalla, è un giovane uomo che qualche anno fa, a seguito di un incidente in moto, ha perso una gamba, ma non per questo ha smesso di scalare montagne e di camminare per il mondo.

    Al rientro dalla sua ultima avventura – 2.000 chilometri di strade e sentieri sulle tracce degli Inca, tra Perù e Bolivia – ha mostrato il suo diario di viaggio all’amico Federico Blanc, anch’egli paratleta, e insieme hanno deciso di trarne un libro emozionante e divertente, in cui ci raccontano in modo pragmatico e non retorico come un disabile, pur faticando a ritrovare se stesso, possa gradualmente riappropriarsi della propria vita e contagiare il prossimo con il suo entusiasmo.

    Un libro che, parlando di dislivelli superati, eventi atmosferici e incontri inaspettati, può dare a tutti noi una gioiosa lezione sulla differenza che passa fra vivere e sopravvivere.

    14,02
  • Potere H. I disabili che hanno fatto la storia di Roberto Zucchi

    0 out of 5

    Roberto Zucchi è nato a Modena nel 1956 ma è da sempre residente a Padova, dove si è laureato in Scienze Politiche con una tesi su “Origini mistiche del nazismo”.

    Giornalista professionista dal 1981, è stato responsabile delle redazioni Esteri e Cultura nonché caporedattore centrale del quotidiano “Il Gazzettino” di Venezia.

    Nel 2012 ha pubblicato il giallo storico “Siderea Crimina” (Editoriale Programma). Paraplegico dal 1983 a causa di un incidente motociclistico, è sposato e ha due cani.

     

    11,05
  • Handmaster Plus la Pallina per esercizi della mano

    0 out of 5

    La pallina, come pure gli elastici, sono disponibili in diversi gradi di resistenza. Sono possibili programmi di esercizi individuali.

    Handmaster Plus è adatto per eseguire molteplici esercizi per la mano, migliorando gradualmente la forza e la circolazione della mano. Sono possibili esercizi disgiunti per le dita e per il pollice

     

    16,75

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *