Boccia per disabili

Boccia per disabili

DISCIPLINA PARALIMPICA

Diventato uno sport paralimpico a New York nell’edizione dei giochi del 1984, la boccia per disabili paralimpica è un attività che richiede grande precisione e controllo.

Per poter partecipare bisogna aver superato i 12 anni di età; il gioco è open, sono quindi ammessi uomini e donne, che possono giocare nello stesso team, in squadra o in singolo.

 

boccia per disabili

E’ possibile scegliere in base alle proprie limitazioni se partecipare in carrozzina o in piedi e lo scopo del gioco è quello di avvicinarsi più possibile con le proprie bocce al pallino.

A differenza di molti altri sport, in questo vediamo partecipare anche atleti colpiti da patologie neurologiche (cerebrolesi, tetraplegici ecc).

 

Regolamento boccia per disabili

Il regolamento tecnico è a cura della FIB (Federazione Italiana Bocce) ed è proprio sul sito ufficiale che potete trovare tutte le informazioni utili, le immagini delle ultime competizioni e le news più aggiornate.

La boccia per disabili si pratica su un terreno piano spesso delimitato da sponde e ad ogni campo viene assegnato un codice con il quale si distinguono le categorie di gioco, per distinguere le gare tra partecipanti a piedi o in carrozzina.

L’obiettivo del gioco è quello di avvicinarsi il più possibile con il maggior numero di bocce a una sfera di dimensioni più piccole, detta pallino o boccino che deve essere sempre visibile ai giocatori.

  • I due principi fondamentali dello sport delle bocce sono l’accosto e la bocciata (raffa o volo).
  • L’accosto è un lancio di avvicinamento e di precisione che ha come obiettivo quello di posizionare la propria boccia il più vicino possibile al pallino e si esegue in una posizione statica.
  • Il gesto della bocciata (raffa o volo), viene effettuato con più forza e da una posizione di movimento, ed ha come finalità quella di colpire una o più bocce avversarie con l’intenzione di allontanarle dal pallino.
  • I giocatori di una squadra che hanno a disposizione sei bocce, lanciano a turno la propria boccia, alternandosi coi giocatori della squadra avversaria.

 

 

Le classificazioni funzionali nella boccia per disabili

  1. BC1 I giocatori di questa classe possono lanciare la boccia con la mano o con il piede.
    Possono competere con l’ausilio di un Assistente, posizionato fuori del box di lancio, il quale, su richiesta del giocatore, stabilizza e orienta la carrozzina e gli passa le bocce da lanciare.
  2. BC2 I giocatori in questa classe lancia la palla con la mano. Non possono ricevere l’aiuto da parte di un Assistente.
  3. BC3 I giocatori in questa classe non sono in grado di afferrare e/o rilasciare la palla, e anche se possono effettuare un movimento del braccio, esso risulta insufficiente per spingere una palla sul terreno di gioco.
    Questa classe di atleti può utilizzare un dispositivo, come una rampa, per rilasciare la palla. Il giocatore può avere a disposizione anche un Assistente per il lancio della palla. L’Assistente deve dare le spalle al campo per tutta la durata del set e deve tenere lo sguardo distante dal gioco.
  4. BC4 I giocatori di questa classe hanno una disfunzione grave del movimento in tutti e quattro gli arti e poco controllo del busto. Possono dimostrare sufficiente abilità nel lanciare la boccia in campo. Non possono ricevere l’aiuto di un Assistente.

Attrezzatura per giocare a boccia per disabili

  • Rampa
  • Guanti
  • stecche
  • altri dispositivi di assistenza (es.puntatori)

Dispositivi di assistenza nella boccia per disabili

I dispositivi di assistenza come i puntatori e le rampe vengono utilizzati dagli atleti della divisione BC3 e devono essere approvati ad ogni evento da chi si occupa del controllo delle attrezzature.

Guanti e/o stecche devono essere approvati dalla Commissione Classificatrice.

Le rampe non devono contenere nessun  meccanismo di propulsione meccanico, ne di accelerazione, rallentamento della palla o orientamento della rampa (laser, livella, freni, mirino ecc)

 

Le carrozzine nella boccia per disabili

Le carrozzine devono essere più standard possibili; è possibile utilizzare carrozzine elettriche.

Non esiste alcun limite all’altezza della carrozzina nella categoria BC3 per tutto il tempo in cui restano seduti. Per tutti gli altri atleti l’altezza della sedia è di 66 cm da terra al punto più basso dove le natiche toccano il cuscino.

 

Tempi di gioco

  • BC1                        5 minuti per atleta e periodo
  • BC2                       4 minuti per atleta e periodo
  • BC3                       6 minuti per atleta e periodo
  • BC4                       4 minuti per atleta e periodo
  • COPPIE BC3       7 minuti per coppia e periodo
  • COPPIE BC4       5 minuti per coppia e periodo
  • SQUADRA           6 minuti per squadra e periodo

 

Risultati Anno Sportivo 2017 Boccia per disabili

SQUADRE

  1. Superhabily Milano
  2. Orange Bowl Padova
  3. Anshaf Trieste
  4. Lupus Lecce
  5. Sportento Torino
  6. Superhabily Magenta
  7. Polha Varese

 

COPPIE BC3

  1. Garavaglia, Visconti
  2. Regina, De Ambrogio, Frau
  3. Recchia, Marchisio
  • Maniglione Ribaltabile Bagno WC disabili

    0 out of 5

    Maniglione Ribaltabile Bagno WC disabili. La progettazione del bagno accessibile per disabili e anziani, deve tener conto anche del design e della raffinatezza degli ausili.
    Questo maniglione ribaltabile per bagno rappresenta l’equilibrio tra un complemento d’arredo moderno e un sostegno per chi non è autonomo nei movimenti.

    – Fornisce assistenza quando ci si china o ci si rialza dal WC
    – Realizzato in acciaio di elevata qualità
    – Si ribalta sul muro per ridurre l’ingombro
    – Comodo fissaggio a parete
    – Una soluzione efficace ed economica

    36,90
  • Poltrona alzapersona Ponza Relax, elettrica reclinabile con telecomando

    0 out of 5

    Poltrona MOD. Ponza, Relax ELETTRICA, 2 Motori INDIPENDENTI, Sistema ALZAPERSONA Telecomando, Tessuto Antimacchia Arancio – Iva 4% Già APPLICATA 

    • Poltrona RELAX con 2 MOTORI indipendenti con TELECOMANDO multifunzione
    • Sistema LIFT 2 Alzapersona su e gi elettrico + Reclinazione SCHIENA e GAMBE Tessuti Garantiti 5 anni sull’usura, Certificati OEKO-TEX, non tossici per l’uomo
    • Motori CERTIFICATI CE – Made in Italy – Garanzia e Assistenza 2 Anni – Prezzo Con Iva 4% Già applicata. Richiesta documentazione obbligatoria (vedi Dettagli Ordine)
    • Misure Ingombro Esterno: L. 73 cm – P. 70 cm – H. 104 cm Seduta: Larghezza 51 cm, Profondità 48cm, Altezza da terra 48cm | Portata: 90Kg
    • La Spedizione Avviene Tramite Corriere Espresso e LA CONSEGNA AVVERRÀ SEMPRE AL CIVICO (PIANO TERRA) Salvo Specifica Richiesta In Fase D’ordine
    554,00
  • Ultrasport Mini Bike, Allenatore Braccia e Gambe

    0 out of 5

    Un’idea geniale ed efficace per l’allenamento a casa, con ridotte dimensioni e peso limitato per una sistemazione ottimale: La Mini Bike è il pratico sostituto adatto al soggiorno e poco ingombrante di grandi ergometri e della stessa bicicletta.

    • La piccola mini cyclette adatta per rafforzare i muscoli delle braccia e delle gambe
    • Computer con grande display LCD: Visualizzazione di scan, tempo, distanza, giri per esercizio, giri totali e consumo calorico totale
    • Peso massimo utente fino a 100 kg, volano da 2 kg, impostazione manuale della resistenza
    • Fornito come kit di montaggio, include materiale di montaggio completo e manuale di istruzioni
    41,99
  • Tavola di Trasferimento Curva leggera con manici

    0 out of 5
    • La tavola è stata ideata per consentire agli utenti di trasferirsi in modo indipendente
    • Il taglio svasato migliora la stabilità
    • Tavola leggera, dotata di cuscinetti antiscivolo e con un rivestimento antibatterico
    • La forma curva coadiuva i trasferimenti laterali o in avanti
    • Maniglie per una maggiore presa
    58,72
  • Siblings. Crescere fratelli e sorelle di bambini con disabilità di Andrea Dondi 

    0 out of 5

    Nell’esperienza quotidiana di una famiglia con un figlio con disabilità, tra impegni di cura e accompagnamento, a volte è difficile dare spazio agli altri figli. I siblings vivono un’esperienza di crescita che può essere a tratti faticosa, in una chiamata implicita a essere responsabili, indipendenti, sempre comprensivi. Questo libro si propone di dare loro voce, aiutando i genitori a cogliere, nelle diverse fasi di crescita, l’enorme ricchezza del loro sguardo sulla disabilità (e il modo in cui questa li sta forgiando), ma anche a combattere alcuni pericoli, come l’eccessiva solitudine o la paura del futuro. Attraverso la pluriennale attività di Fondazione Paideia e le più importanti esperienze internazionali sui fratelli sani di persone con disabilità, questo è il primo volume in Italia a offrire ai genitori un percorso sui temi educativi e affettivi centrali nella vita di tutti i figli.

    15,30

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *