Scandalo siciliano – un emergenza grave nell’assistenza ai ragazzi disabili della provincia di Palermo

Pubblicato da: Serena Castaldi Categoria: Curiosità Data di pubblicazione: 17 Maggio 2017

Oggi vogliamo parlarvi di una grave situazione che ha toccato e purtroppo tocca ancora la quotidianità di molti ragazzi siciliani residenti nella provincia di Palermo.

E’ stato letteralmente cancellato il diritto agli studenti di recarsi a scuola. Un diritto sacrosanto che vede un rimpallo di responsabilità che non trova soluzione, lasciando questi ragazzi impossibilitati a frequentare ormai da gennaio scorso!

Esiste un grave problema di servizi di trasporto che toglie agli studenti disabili il diritto di raggiungere la scuola, lasciandoli fermi, in attesa che qualcuno si prenda delle responsabilità ed attivi le giuste procedure burocratiche.

Gli studenti disabili, i loro genitori, gli assistenti igienico-personali della Slai Cobas s.c. di Palermo, dopo aver presentato innumerevoli denunce contro la regione Sicilia, ora hanno scritto anche al presidente Mattarella, parlando di questa grave emergenza che tocca l’assistenza agli studenti disabili che frequentano gli istituti superiori, richiedendo un intervento immediato.

Mentre attendiamo che il presidente faccia qualcosa, non possiamo che essere solidali con questi ragazzi e le loro famiglie la cui vita è stata gravemente danneggiata, vedendosi privare il diritto all’istruzione e all’inclusione sociale.

Non solo questi ragazzi sono costretti a casa ma anche le loro famiglie hanno dovuto cercare il modo in questi mesi di riorganizzarsi per fare fronte all’emergenza, per non parlare degli assistenti la cui condizione lavorativa è ai minimi storici, perchè nonostante la ripartenza in alcune strutture del lavoro igienico personale, spesso si procede a singhiozzo proprio per l’assenza degli studenti che non possono essere trasportati.

Speriamo che questo possa sensibilizzare e diffondere consapevolezza su una situazione inaccettabile, nella speranza che possa risolversi in tempi brevi.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *