Come ho risolto il problema del mio mal di schiena

Pubblicato da: Alessio Giardini Categoria: #AleBlog Data di pubblicazione: 19 Ottobre 2017

Nel blog di oggi voglio raccontarvi quanto può essere fastidioso il mal di schiena e come ho risolto il mio problema.

Devo innanzitutto premettere, il lavoro che svolgo mi costringe gran parte della giornata seduto di fronte al computer. Oltretutto quando inizio a lavorare le ore scorrono molto velocemente che non rendendomi conto nemmeno del trascorrere delle ore.

Questo stile di vita prolungato nel corso di anni aggravato anche da una forte scoliosi ha reso difficili molte nottate. Ogni sera,  sdraiandomi sul letto,  appena i muscoli si rilassavano iniziava il dolore.

Ad uno degli ultimi incontri con il mio neurologo qui in Germania ho raccontato i sintomi di questi continui mal di schiena che stavano iniziando veramente a darmi sui nervi.

sedia Swopper mal di schiena

Sghignazzando, mi domanda che tipo di sedia utilizzo, molto banalmente rispondo una acquistata all’Ikea.  Il Dottore mi sorride nuovamente facendomi notare che spesso e volentieri  commettiamo l’errore di sottovalutare la nostra postazione di lavoro, preferendo di investire solamente negli strumenti elettronici, piuttosto che accorgimenti per migliorare la situazione lavorativa.

A questo punto si alza dalla sua scrivania e fa scorrere la sua poltrona vicino a me invitandomi a trovarla. Di primo acchito non ero molto fiducioso una volta accomodato su questa strana sedia ho subito provato una forma di piacere per la mia schiena.

sedia Swopper mal di schiena

Swopper ha riattivato la mia muscolatura

La seduta è fissata su una enorme molla che permette di molleggiare e dondolare,  però lo schienale è fisso. Questo fa sì che bisogna abituarsi in quanto ruotando su se stessi lo schienale non ti segue.

Questa fantastica poltrona o sedia da ufficio si chiama Swopper,  dopo averla provata dal mio medico ho deciso di documentarmi leggendo e guardando video recensioni in tedesco. Dopo una settimana ho ordinato la mia Swopper base argento, seduta in tessuto verde con schienale in plastica nero. Devo ammettere che è stata una decisione molto sofferta visto il costo elevato che si aggira da 550 a 750 Euro.

 

sedia Swopper mal di schiena

Sono diversi mesi che utilizzo la sedia Swopper e già pochi giorni dopo averla ricevuta ho notato dei miglioramenti, quando si è seduti su una sedia attiva tutta la muscolatura lavora,  per mantenerci in equilibrio sulla sedia. Il movimento stimola anche i muscoli della schiena e delle gambe facendoli lavorare di continuo.

Devo ammettere di aver risolto completamente il mio mal di schiena grazie alla sedia Swopper e al mio fantastico neurologo.

Tante personalizzazioni con Swopper

La sedia Swopper è molto personalizzabile, ci sono diverse varianti di colori e tessuti per la seduta,  anche la base che regge l’ammortizzatore è disponibile in colore nero o argento con o senza ruote, si può anche scegliere se dotarla di schienale oppure utilizzarla come sgabello ma in tutti i casi non sono disponibili braccioli.

 

Qui di seguito ti lascio il link diretto ad Amazon dove potrai valutare un eventuale acquisto, basta cliccare sulla foto e accedere direttamente alla pagina Swopper.

 

Swopper sgabello

Swopper

 

Oppure Swopper con Schienale

sedia Swopper mal di schiena con schienale

 

Mi farebbe piacere conoscere la tua esperienza con il mal di schiena e se hai trovato una soluzione, puoi scrivere la tua storia qui nei commenti…

 


 

Una Selezione di prodotti ed ausili per disabili disponibili su Amazon

  • 5BILLION Palle per Massaggio appuntite – Anti Stress, Rilascio miofasciale

    0 out of 5

    Le sfere di massaggio appuntite sono progettate per stimolare il massaggio dei tessuti profondi, la circolazione sanguigna, il punto di pressione, la flessibilità e la mobilità. È un trattamento ampiamente utilizzato per liberare i piedi, la schiena, il collo e il dolore alle spalle e alleviare la tensione.

    10,99
  • La battaglia contro il nulla di Andrea Bes

    0 out of 5

    La battaglia contro il nulla è una raccolta di sensazioni, di immagini in parole che Andrea Bes ha scritto nel corso di mesi. La vita di tutti i giorni, i ricordi d’infanzia, le difficoltà che la burocrazia impone sono alcuni dei temi che man mano affronta in questo zibaldone di pensieri. Con una scrittura ironica ci apre gradualmente le porte di un mondo che non si può conoscere, ma soltanto intravedere grazie alla sua guida.

    Talvolta sono percezioni improvvise, parole che scaturiscono inaspettate da un disagio o da una grande gioia. Altre volte sono frutto di lunghe riflessioni, di analisi accurate di ciò che il confronto con il mondo non può che provocare, in una mente sensibile e recettiva come la sua.

    In altri casi ancora, questi brevi scritti sono una sofferta ricostruzione di ciò che non sempre è facile delineare, finché non viene tradotto in parole, non viene messo nero su bianco.

    11,73
  • Cuscino Ergo Dry Feel ultra traspirante Saponetta

    0 out of 5

    Il guanciale Ergo Dry Feel ultra traspirante. L’unione di 2 schiumati con diverse proprietà di altissima qualità creano un guanciale dalle molteplici soluzioni.

    La base sagomata del cervicale o del saponetta è uno schiumato ad acqua con polioli vegetali di soia, con numerosi canali per favorire un adattamento alla forma della testa; Dal lato opposto è stato accoppiato uno strato bugnato automassaggiante di DRY FEEL rinomato materiale per le sue proprietà di far circolare l’aria ad ogni movimento favorendone la dispersione dell’umidità. Potete scegliere voi su quale dei 2 lati riposare.

    53,00
  • Tavola di Trasferimento Curva leggera con manici

    0 out of 5
    • La tavola è stata ideata per consentire agli utenti di trasferirsi in modo indipendente
    • Il taglio svasato migliora la stabilità
    • Tavola leggera, dotata di cuscinetti antiscivolo e con un rivestimento antibatterico
    • La forma curva coadiuva i trasferimenti laterali o in avanti
    • Maniglie per una maggiore presa
    58,72
  • Oltre i limiti meravigliosa…mente. Quando l’eccezionalità diventa normalità di Francesco Manfredi

    0 out of 5

    Roberto Zucchi è nato a Modena nel 1956 ma è da sempre residente a Padova, dove si è laureato in Scienze Politiche con una tesi su “Origini mistiche del nazismo”.

    Giornalista professionista dal 1981, è stato responsabile delle redazioni Esteri e Cultura nonché caporedattore centrale del quotidiano “Il Gazzettino” di Venezia.

    Nel 2012 ha pubblicato il giallo storico “Siderea Crimina” (Editoriale Programma). Paraplegico dal 1983 a causa di un incidente motociclistico, è sposato e ha due cani.

     

    15,30

 

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *