Ray Charles biografia del padre del Soul cantante, cantautore e pianista

Pubblicato da: DisabiliNews Redazione Categoria: Biografie Data di pubblicazione: 22 Aprile 2020

Ray Charles è stato un pioniere della musica soul, integrando R&B, gospel, pop e country per creare successi come “Unchain My Heart”, “Hit the Road Jack” e “Georgia on My Mind”. Un genio cieco, è considerato uno dei più grandi artisti di tutti i tempi.

Le Origini di Ray Charles

Nato in Georgia nel 1930, Ray Charles era un musicista leggendario che ha aperto la strada al genere della musica soul negli anni ’50. Spesso chiamato “Father of Soul”, Ray Charles ha combinato blues, gospel e jazz per creare successi rivoluzionari come “Unchain My Heart”, “Hit the Road Jack” e “Georgia on My Mind”. Muore nel 2004, lasciando un’impressione duratura sulla musica contemporanea.

Primi anni di vita di Ray Charles

Ray Charles Robinson è nato il 23 settembre 1930 ad Albany, in Georgia. Suo padre, un meccanico, e sua madre, un mezzadro, trasferirono la famiglia a Greenville, in Florida, quando era un bambino. Uno degli eventi più traumatici della sua infanzia è stato assistere alla morte annegante di suo fratello minore.

Charles non nacque cieco. Iniziò ad avere problemi con la vista a 5 anni e divenne completamente cieco pochi mesi a seguire. Lui stesso non ha mai capito chiaramente il motivo del suo handicap; alcune ipotesi affermano che sia dovuto a un glaucoma, secondo altre, il motivo fu un’infezione mai curata causata dal contatto con acqua saponata. Frequentò quindi una scuola per sordi e ciechi in Florida, dal 1937 al 1945. Fu qui che conobbe appieno la musica ed imparò a comporre, a suonare strumenti musicali e a sviluppare il suo dono musicale. Durante questo periodo morì la madre, seguita, due anni dopo, dal padre.

Poco dopo la morte di suo fratello, Ray Charles iniziò gradualmente a perdere la vista. Era cieco all’età di 7 anni e sua madre lo mandò in una scuola sponsorizzata dallo stato, la Florida School for the Deaf and the Blind a St. Augustine, in Florida, dove imparò a leggere, scrivere e arrangiare musica in Braille. Ha anche imparato a suonare il piano, l’organo, il sax, il clarinetto e la tromba. L’ampiezza dei suoi interessi musicali variava ampiamente, dal Vangelo al paese, al blues.

 

 

Evoluzione musicale di Ray Charles

La madre di Charles morì quando aveva 15 anni e per un anno fece un tour sul “Circuito di Chitlin” nel sud. Mentre era in viaggio, raccolse l’amore per l’eroina.

All’età di 16 anni, Ray Charles si trasferì a Seattle. Lì incontrò un giovane Quincy Jones, un amico e un collaboratore che avrebbe mantenuto per il resto della sua vita. Ray Charles si esibì con il Trio McSon negli anni ’40. Il suo stile di gioco iniziale assomigliava molto al lavoro delle sue due influenze principali: Charles Brown e Nat King Cole. In seguito Charles sviluppò il suo suono distintivo.

Nel 1949, pubblicò il suo primo singolo, “Confession Blues”, con il Trio Maxin. La canzone ha fatto bene nelle classifiche R&B. Altri successi nelle classifiche R&B seguiti da “Baby Let Me Hold Your Hand” e “Kissa Me Baby”. Nel 1953, Charles ottenne un accordo con la Atlantic Records. Ha celebrato il suo primo singolo di successo in R&B con l’etichetta “Mess Around”.

 

VIDEO: The Blues Brothers (1980) – Shake a Tail Feather Scene

 

 

Successo di critica

Un anno dopo, la canzone classica di Charles, “I Got a Woman”, raggiunse il primo posto nelle classifiche R&B. La canzone riflette un progresso nel suo stile musicale. Non era più un imitatore di Nat King Cole. La sua fusione tra vangelo e R&B ha contribuito a creare un nuovo genere musicale noto come soul. Alla fine degli anni ’50, Ray Charles iniziò a intrattenere il mondo del jazz, tagliando i dischi con i membri del Modern Jazz Quartet.

I compagni musicisti hanno iniziato a chiamare Ray Charles “The Genius”, un titolo appropriato per il musicista ramblin, che non ha mai lavorato in un solo stile, ma ha mescolato e abbellito tutto ciò che ha toccato (ha anche guadagnato il soprannome di “Padre dell’Anima”). Il più grande successo di Charles fu forse la sua capacità di passare anche alla musica pop, raggiungendo il numero 6 nella classifica pop e il numero 1 nella classifica R&B con il suo successo “What’d I Say”.

L’anno 1960 ha portato a Ray Charles il suo primo Grammy Award per “Georgia on My Mind”, seguito da un altro Grammy per il singolo “Hit the Road, Jack”. Ai suoi tempi, ha mantenuto un raro livello di controllo creativo sulla propria musica. Charles ha abbattuto i confini dei generi musicali nel 1962 con Modern Sounds in Country e Western Music . In questo album, ha dato le sue interpretazioni piene di sentimento di molti classici country. Mentre prosperava in modo creativo, Charles ha lottato nella sua vita personale. Ha continuato a combattere con la dipendenza da eroina. Nel 1965, Charles fu arrestato per possesso.

 

 

Carriera successiva di Ray Charles

Ray Charles evitò il carcere dopo il suo arresto per possesso, dando finalmente il calcio all’abitudine in una clinica di Los Angeles. Le sue uscite negli anni ’60 e ’70 furono un successo, ma rimase una delle stelle più rispettate della musica. Charles ha vinto un Grammy Award per la sua interpretazione di “Living for the City” di Stevie Wonder. Tre anni dopo, pubblicò la sua autobiografia Brother Ray .

Nel 1980, Charles è apparso nella commedia The Blues Brothers con John Belushi e Dan Aykroyd. L’icona della musica ha ricevuto un onore speciale alcuni anni dopo come una delle prime persone introdotte nella Hall of Fame del Rock and Roll. Ray Charles è stato riconosciuto per il suo contributo al genere insieme a colleghi colleghi come James Brown, Elvis Presley, Sam Cooke e Buddy Holly.

Charles tornò alla ribalta nei primi anni ’90 con diverse apparizioni di alto profilo. Ha anche registrato spot pubblicitari per Pepsi-Cola, cantando “You Got the Right One, Baby!” come suo slogan, e ha interpretato “We Are the World” per l’organizzazione USA for Africa insieme a artisti del calibro di Billy Joel, Diana Ross, Cyndi Lauper, Bruce Springsteen e Smokey Robinson.

 

Premi e riconoscimenti di Ray Charles

  • 1981: Hollywood Walk of Fame
  • 1986: Rock & Roll Hall of Fame (uno dei primi ad essere inseriti alla cerimonia inaugurale)
  • 1986: Kennedy Center Honors
  • 1993: National Medal of Arts
  • 1998: Polar Music Prize
  • 2004: Jazz Hall of Fame

 

Ray Charles Filmografia

  • The Blues Brothers, regia di John Landis (1980)
  • Spia e lascia spiare, regia di Rick Friedberg (1996)
  • Piano Blues, regia di Clint Eastwood (2003)

Film dedicati a Ray Charles

Nel 2004 è uscito Ray, film basato sulla vita di Charles e che affronta anche i suoi problemi legati alla dipendenza da eroina. Per questo film, l’attore Jamie Foxx ha ricevuto il premio Oscar come “Miglior attore protagonista”. Nel 1988 partecipa come ospite nel primo episodio della quarta serie di Moonlighting, mentre tra il 1997 e il 1998 è apparso come ospite in tre episodi della quinta stagione della serie televisiva La tata, Ray Charles e Yetta: coppia perfetta, Il rap di Sam e Disaccordo per l’accordo, e in un episodio della sesta stagione: Una tata miracolosa nel ruolo del fidanzato di Yetta.

Ray Charles e la sua vita privata

Charles è stato sposato due volte ed ha avuto dodici figli da sette diverse donne. Il suo primo matrimonio con Eileen Williams è stato breve, dal 31 luglio 1951 al 1952. Ha avuto tre figli dal suo secondo matrimonio con Beatrice Della Howard durato dal 5 aprile 1955 al 1977.

Aveva una grande passione per gli scacchi e per giocare usava una speciale scacchiera.

Charles morì il 10 giugno 2004 per le complicanze di una malattia al fegato per uso di droga all’età di 73 anni. Sua partner a lungo termine fino al momento della morte è stata Norma Pinella.

Ray Charles oggi riposa nel Cimitero Parco di Inglewood, California.

 

 

Morte ed eredità di Ray Charles

Nel 2003, Charles dovette cancellare il suo tour per la prima volta in 53 anni. Ha subito un intervento chirurgico di sostituzione dell’anca. Mentre l’operazione ebbe successo, Charles imparò presto che soffriva di malattie al fegato. Muore il 10 giugno 2004 nella sua casa di Beverly Hills, in California. Durante la sua vita, Ray Charles ha registrato più di 60 album ed eseguito oltre 10.000 concerti.

L’amico di lunga data Quincy Jones era solo uno dei tanti che piangevano la scomparsa di Charles. “Non ci sarà mai un altro musicista che abbia fatto così tanto per abbattere i muri percepiti dei generi musicali”, ha dichiarato Jones, secondo il New York Times . “Ray Charles diceva che se avesse avuto un centesimo, mi avrebbe dato un nickel. Beh, lo avrei restituito per averlo ancora qui con noi, ma so che il paradiso è diventato un posto molto migliore con lui in esso “. Più di 1.500 persone sono venute a salutare la leggenda musicale al suo funerale. BB King, Willie Nelson e Stevie Wonder erano tra quelli che si sono esibiti al servizio.

L’ultimo album di Ray Charles, Genius Loves Company, pubblicato due mesi dopo la sua morte, è composto da duetti con vari ammiratori e contemporanei. La sua storia di vita divenne un film di successo intitolato Ray Charles più tardi quell’anno. Jamie Foxx ha recitato nel ruolo del leggendario interprete e ha vinto un Oscar per la sua interpretazione di Charles.

 

 


 

Puoi trovare interessante leggere Testimonianze ed Esperienze, Alex ZanardiBeatrice VioNadia Toffa,  Nicholas James VujicicIacopo MelioMassimiliano SechiSofia RighettiBenedetta De LucaNicole Orlando, Veronica Yoko Plebani, Esther VergeerMadeline StuartAndrea BocelliEzio Bosso, Ray Charles oppure le raccolte di: Frasi sulla disabilitàFrasi MotivazionaliFrasi importanti sulla VitaFrasi disabilità e SportFrasi sulla determinazione e aforismi sulla tenacia.

Oppure puoi consultare le sezioni di Approfondimenti come Ausili per disabilisport per disabiliviaggi per disabilibiografie e Testimonianze… oppure le recensioni sugli ausili.

Entra nel Gruppo Facebook Disabilinews.com

Mi piacerebbe tanto leggere un tuo COMMENTO…
Iscriviti alla Newsletter per restare sempre aggiornato

 

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *