Progetto SWANS: inserimento al lavoro per gli autistici

Pubblicato da: DisabiliNews Redazione Categoria: Curiosità Data di pubblicazione: 22 Marzo 2013

Oggi il progetto “SWANS” (Sustainable Work for Autism Networking Support) presenta i risultati dell’iniziativa pilota di inserimento al lavoro degli autistici portata avanti grazie ai finanziamenti erogati dalla Commissione Europea mediante l’istituzione del bando “Progetti sull’impiego di persone con disordini dello spettro autistico”, previsto dal Programma Progress.

Il Progetto SWANS, intrapreso con il supporto della Comunità Montana “Associazione dei Comuni Trasimeno-Medio Tevere” e realizzato in partnership con il Consorzio Auriga (quest’ultimo impegnato nella selezione e formazione degli operatori di sostegno che prenderanno parte al progetto), è una delle quattro fortunate proposte su 53, presentate alla Commissione Europea, alla quale sono stati assegnati i fondi.

Si tratta anche dell’unico progetto fortemente voluto e approvato dalla commissione su territorio italiano poiché l’elaborare metodi di inserimento lavorativo in favore delle persone autistiche rappresenta un’iniziativa di grande merito a livello europeo, in armonia con gli obiettivi d’integrazione sociale che attualmente ci si propone. Il prospetto operativo presentato dal progetto SWANS, infatti, incarna appieno il principio di rispetto ed estensione dei diritti umani che il Programma Progress si prefigge, e si muoverà proprio a beneficio di quegli individui non sempre valorizzati adeguatamente nel mondo del lavoro.

Il coordinamento scientifico del Progetto SWANS, coadiuvato anche da una psicologa, si avvale del supporto di due esperti di valutazione delle attitudini dei soggetti autistici ed è stato affidato all’AUSL2 di Perugia. Interverranno inoltre tre personalità competenti del panorama internazionale: Patricia Howlin, docente in psichiatria infantile al King’s College di Londra, e due portavoce belgi del Opleiding Centrum Autisme di Anversa, Theo Peeters, neurolinguista specializzato in disturbi dello spettro autistico, e Hilde De Clercq, autrice del libro ‘Il labirinto dei dettagli’.

Al progetto aderiscono 40 autistici umbri, la metà dei quali verranno introdotti ad una attività lavorativa per circa 6 mesi (quattro ore al giorno, quattro giorni alla settimana) presso imprese accuratamente selezionate e idonee ad ospitare soggetti autistici. In occasione della Conferenza Internazionale conclusiva del Progetto SWANS, tenutasi oggi a Perugia con la partecipazione di esperti internazionali, addetti ai servizi sociali, famiglie, giornalisti e pubblico, è stata presentata la pubblicazione contenente i risultati del progetto.

 

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *