Periodo nero per le raccolte fondi

Pubblicato da: DisabiliNews Redazione Categoria: Curiosità Data di pubblicazione: 8 Marzo 2013

In calo le raccolte fondi. Il trend degli ultimi due anni, seppure invariato dal 2011 al 2012, conferma il periodo nero che stanno attraversando le organizzazioni ed associazioni onlus che si occupano di raccogliere proventi in favore delle iniziative di solidarietà e per la ricerca.

Su oltre duecento organizzazioni no profit recensite e intervistate dall’Osservatorio di Sostegno al Non Profit Sociale dell’IID, la maggior parte (oltre il 75%) mostrano di non aver aumentato in alcun modo le entrate riconducibili alle raccolte fondi ed il 34% dichiara anzi di averle viste diminuire considerevolmente, in particolar modo sotto le festività natalizie.

Da un’indagine di IPR Marketing, per «Il Sole 24 Ore» emerge che ben l’85% degli intervistati abbiamo confermato di aver fatto donazioni alle medesime associazioni a cui già avevano donato l’anno precedente, mostrando una grande attitudine alla “fidelizzazione” nei confronti di alcune organizzazioni.

Benché il direct mailing resti uno dei metodi più diffusi e utili ai fini delle raccolte fondi, il 2013 indica come le iniziative rivolte ad aziende ed enti pubblici stiano prendendo sempre più margine rispetto agli altri metodi di raccolta adottati.

Edoardo Patriarca (presidente dell’IID: Istituto Italiano della Donazione) segnala come dall’indagine recentemente svolta, chiedendo alle varie ONP (organizzazioni no profit) cosa si attendessero dal nuovo Governo, nel 61% dei casi la risposta è stata la sostenibilità economica delle stesse ONP, con un 44% che ha chiesto la stabilizzazione del 5 per mille, ed un 21% che ha puntato su politiche di detassazione; in vari casi è stata avanzata anche una richiesta per unmaggior coinvolgimento delle ONP nelle politiche di welfare.

Per approfondire:

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *