Paratour, un giro per la Torino accessibile ai disabili

Pubblicato da: DisabiliNews Redazione Categoria: Viaggi e Turismo Data di pubblicazione: 2 Marzo 2013

A proposito di turismo per disabili, a Torino parte il  “Paratour“, un itinerario turistico senza barriere architettoniche unico nel suo genere che permette ai non vedenti e ai disabili in carrozzina di conoscere le bellezze storiche, artistiche ed architettoniche del capoluogo piemontese.
Il Paratour della Torino accessibile, ideato da Raffaele Palma in memoria dell’amico Gianni Pellis, è stato suddiviso in 2 percorsi appositamente studiati che hanno tempi e modalità di percorrenza differenti: un primo itinerario è adatto ad essere esplorato dai disabili nelle belle giornate di sole, l’altro invece è fruibile anche in caso di pioggia battente.

CARATTERISTICHE DEI DUE ITINERARI ACCESSIBILI DEL PARATOUR di TORINO 

Il primo tragitto si dirama al di fuori del centro storico ed ha un tempo medio di percorrenza di circa 2 ore; utilizza marciapiedi e isole pedonali prive di qualsivoglia barriera architettonica ed ha come punto di partenza via Carlo Alberto, dalla quale ci si sposta in direzione del centro città, proseguendo per via Pomba, via Maria Vittoria e via Accademia delle Scienze, sino a giungere nella meravigliosa cornice di Piazza Castello. Nonostante il percorso sia stato studiato per giornate di bel tempo, nell’eventualità che le condizioni meteo cambino repentinamente è stata prevista la possibilità di trovare riparo sotto i porticati di Palazzo Carignano e via Pomba.
Fregi e decorazioni proposte lungo il cammino sono stati scelte accuratamente tra quelle che risultavano ad altezza di ragazzo, al fine di poter essere facilmente identificabili e percepibili anche dai disabili visivi, permettendo così alle persone non vedenti di cogliere al meglio forme e simbologie.
Questo primo itinerario del Paratour di Torino include il passaggio dinanzi a stupendi edifici storici, come Palazzo Dal Pozzo della Cisterna (Provincia), Palazzo Asinari di San Marzano (Carpano), Palazzo Madama e molti altri ancora.

Il secondo tragitto, specifico per l’esplorazione della città di Torino anche in presenza di maltempo, ha un tempo di percorrenza fissato in un’ora abbondante; passa sotto le arcate di corso Vittorio Emanuele, per corso Vinzaglio e raggiunge via Ottavio Revel. Come per il precedente, anche questo tragitto del Paratour è privo di barriere architettoniche lungo il percorso.
Gli accompagnatori e i disabili potranno scaricare gratuitamente i PDF con tutte le immagini e le tappe numerate dei due itinerari ed esaminarli grazie alla mappa allegata.
Per scaricare i percorsi e visionare le tappe del Paratour di Torino: CAUS – Torino Paratour

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *