Ecco i nuovi LEA ed il Nomenclatore Tariffario 2017

Pubblicato da: Serena Castaldi Categoria: Curiosità Data di pubblicazione: 11 Aprile 2017

Finalmente, dopo 15 anni di attesa sono stati emanati i nuovi livelli essenziali di assistenza, i servizi e le prestazioni che lo Stato deve garantire ai cittadini in forma gratuita o al solo costo del ticket.

Il sistema, restato obsoleto troppo a lungo, cambia e possiamo comprenderne le modifiche attraverso le pubblicazioni sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica.

Dopo un lungo iter, il nomenclatore si fa più moderno e vede comparire dispositivi all’avanguardia, il tariffario è stato aggiornato, è stato rivisto l’elenco delle malattie croniche e di quelle rare e sono stati pubblicati i nuovi LEA (Livelli Essenziali di Assistenza).

Firmato da Paolo Gentiloni, il documento è stato integralmente sostituito, cambia diversi aspetti rispetto alle prestazioni garantite dal Sistema Sanitario Nazionale ed inserisce diverse novità, ma vediamolo nel dettaglio.

 

Le risorse per il Nomenclatore Tariffario 

Sono 800 i milioni di euro stanziati dalla legge di stabilità che vengono suddivisi nei 3 livelli assistenziali:

  • 600 milioni per l’assistenza distrettuale (specialistica 380 milioni, protesi 153 milioni);
  • 220 milioni di euro per la prevenzione sanitaria (vaccini);
  • I 20 milioni di euro aggiuntivi arrivano da un risparmio dovuto al trasferimento di prestazioni dall’ assistenza ospedaliera ad altri ambiti assistenziali.

Il nuovo nomenclatore dell’assistenza protesica.

Prevede l’introduzione degli ausili informatici e di comunicazione (inclusi i comunicatori oculari e le tastiere per persone con gravissime disabilità), gli apparecchi acustici a tecnologia digitale, attrezzature domotiche e sensori di comando e controllo per ambienti (allarme e telesoccorso).

Rientrano in questa categoria anche le posaterie e suppellettili adattati per le disabilità motorie, barella adattata per la doccia, scooter a quattro ruote, carrozzine con sistema di verticalizzazione, carrozzine per grandi e complesse disabilità, sollevatori fissi e per vasca da bagno, sistemi di sostegno nell’ambiente bagno (maniglioni e braccioli), carrelli servoscala per interni.
Gli arti artificiali a tecnologia avanzata e sistemi di riconoscimento vocale e di puntamento con lo sguardo.

 

Revisione dell’elenco delle malattie rare.

Il provvedimento prevede un ampliamento dell’elenco delle malattie rare, con più di 110 nuove entità tra singole malattie rare e gruppi di malattie.

Ad esempio, la sarcoidiosi; la sclerosi sistemica progressiva; la miastenia grave. Le prestazioni concernenti le malattie rare sono erogate in regime di esenzione.

Revisione dell’elenco delle malattie croniche.

Sono state introdotte sei nuove patologie esenti: sindrome da talidomide, osteomielite cronica, patologie renali croniche, rene policistico autosomico dominante, endometriosi negli stadi clinici “moderato” e “grave”, broncopneumopatia cronico ostruttiva negli stadi clinici “moderato”, “grave” e “molto grave”

Vengono spostate tra le malattie croniche alcune patologie già esenti come malattie rare, quali: malattia celiaca, sindrome di Down, s. Klinefelter.

 

Celiachia – Nomenclatore Tariffario 

La celiachia diviene, da malattia rara, una malattia cronica.
Sono mantenute in esenzione tutte le prestazioni di specialistica ambulatoriale comprese nei LEA, utili al monitoraggio della patologia e alla prevenzione delle complicanze e degli eventuali aggravamenti.

Come per tutte le malattie croniche è sufficiente una certificazione di malattia redatta da uno specialista del Servizio sanitario nazionale per ottenere il nuovo attestato di esenzione.
Viene mantenuta la disciplina della concessione degli alimenti ai celiaci.

Autismo – Nomenclatore Tariffario 

Vengono aggiornati i livelli essenziali di assistenza per la diagnosi precoce, la cura e il trattamento individualizzato dei disturbi dell’autismo.

Il nuovo nomenclatore della specialistica ambulatoriale.

Individua chiaramente tutte le prestazioni di procreazione medicalmente assistita (PMA) che saranno erogate a carico del Servizio sanitario nazionale (fino ad oggi erogate solo in regime di ricovero). Rivede l’elenco delle prestazioni di genetica e fa riferimento ad un elenco di patologie per le quali è necessaria l’indagine su un determinato numero di geni

Introduce la consulenza genetica, spiega al paziente l’importanza ed il significato del test, le implicazioni connesse al risultato e fornisce allo stesso il sostegno necessario per affrontare situazioni emotivamente difficili.

Inoltre vengono introdotte le prestazioni di elevato contenuto tecnologico (adroterapia) o di tecnologia recente (enteroscopia con microcamera ingeribile, radioterapia stereotassica) Screening neonatale.
Vi è l’introduzione dello screening neonatale per la sordità congenita e la cataratta congenita e l’estensione a tutti i nuovi nati dello screening neonatale.

 

Procreazione medicalmente assistita.

Sino ad oggi le prestazioni di procreazione medicalmente assistita erano erogate solo in regime di ricovero. Per il futuro: – viene previsto l’inserimento nel nomenclatore della specialistica ambulatoriale di tutte le prestazioni necessarie nelle diverse fasi concernenti la procreazione medicalmente assistita, omologa ed eterologa.
Tutte le prestazioni di raccolta, conservazione e distribuzione di cellule riproduttive finalizzate alla procreazione medicalmente assistita eterologa sono a carico del Servizio sanitario nazionale.

Endometriosi – Nomenclatore tariffario

Viene previsto l’inserimento dell’endometriosi nell’elenco delle patologie croniche ed invalidanti, negli stadi clinici “moderato” e “grave”.

Vaccini.

Vi è l’introduzione di nuovi vaccini (come: anti-Papillomavirus, anti- Pneumococco, anti-Meningococco) e l’estensione a nuovi destinatari (ad esempio, per il Papillomavirus il vaccino viene erogato anche agli adolescenti maschi).

Per conoscere nel dettaglio ogni singola dicitura del nuovo nomenclatore, o consultare il tariffario, potete consultare i documenti originali cliccando qui.

Condividi questo post

Comments (3)

  • Avatar
    Sciamanna Gustavo rispondere

    rientra nel nuovo nomenclatore tariffario la cura con Ozonoterapia?

    30 Giugno 2017 a 15:43
  • Avatar
    Sara rispondere

    Buona sera volevo sapere se c’è la possibilità con il nuovo nomenclatore tariffario di poter richiedere un ‘autovettura per disabil e se c’è quali passi devo fare. Ho bisogno urgentemente di una risposta.Cordiali saluti

    28 Ottobre 2018 a 22:03

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *