“Malelingue”: alla ricerca di fondi per finanziare un corto con attori con disabilità

Pubblicato da: Iacopo Melio Categoria: Cronaca Data di pubblicazione: 7 gennaio 2018

“Malelingue”: alla ricerca di fondi per finanziare un corto con attori con disabilità

I membri dell’Anffas di Voldomino, del CDD di Luino e della Onlus Costa Sorriso vogliono realizzare un sogno importante e decisamente ambizioso: girare un film, “Malelingue“, che potrà renderli protagonisti. Il progetto, un cortometraggio di genere noir che potrebbe essere presentato alla prossima edizione del Festival del Cinema Nuovo di Gorgonzola in programma ad ottobre, è stato reso noto mediante un breve video, che mostra i ragazzi e racconta quelle che sono le loro passioni.

La ricerca di un sostegno finanziario

La manifestazione cinematografica gorgonzolese, nella quale saranno in gara progetti interpretati da attori con disabilità, quest’anno giungerà all’undicesima annata e nel tempo ha ottenuto un ottimo prestigio, ampliando la propria fama da un’ottica meramente regionale ad una popolarità di livello internazionale. Il cast di “Malelingue”, idea nata dal parrucchiere germignaghese Roberto Lodi Rizzini, è assolutamente pronto a mettersi in gioco. Purtroppo, però, c’è un significativo ostacolo da superare: trovare i fondi occorrenti per finanziare il cortometraggio. Lo scoglio, dunque, ha portato il coordinatore Mattiana Canapea ricercare un supporto da parte del territorio.

L’unione fa la forza

Canape ha spiegato come il termine per presentare il progetto per le selezioni sia il 30 giugno e ha aggiunto che, logicamente, sia fondamentale la presenza di un supporto tecnico professionistico rappresentato da figure che dovranno ricevere una retribuzione. Pur non essendo semplice stabilire con esattezza il tempo necessario per concludere il film, gli organizzatori hanno previsto una spesa massima di circa 6000 euro. Prossimamente avverranno degli incontri con i sindaci dei Comuni di Luino, Germignaga e Maccagno per cercare di coinvolgerli nella produzione, dato che le location scelte per la pellicola riguarderanno le loro amministrazioni. Mattia non ha nascosto la soddisfazione per il fatto che, per la prima volta, ben 3 strutture per persone con disabilità della zona abbiano deciso di unire le loro forze per il conseguimento di un traguardo comune. Riusciranno questi ragazzi a raggiungere il loro obiettivo?

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *