Liguria, bandiere lilla ai Comuni attenti ai disabili

Pubblicato da: DisabiliNews Redazione Categoria: Curiosità Data di pubblicazione: 12 Marzo 2013

Ai comuni attenti alle esigenze dei disabili la Regione Liguria conferirà le “bandiere lilla”. Si tratta di una nuova e ammirevole iniziativa, unica nel suo genere sul territorio nazionale. La Liguria è già detentrice di svariati “record” nell’istituzione di riconoscimenti assegnati sotto forma di drappi di svariato colore. Bandiere blu, verdi, arancioni, contraddistinguono da anni i gli stupendi paesaggi liguri e adesso la Regione si propone da apripista per l’assegnazione delle bandiere lilla, istituite per insignire le amministrazioni meritevoli di mostrare il dovuto riguardo alla tutela dei disabili.
Iniziativa proposta dagli assessori regionali liguri Lorena Rambaudi (Welfare) e Angelo Berlangieri (Turismo), ha l’intento di offrire un rinascimento, la suddetta bandiera lilla, ai Comuni e alle attività ricettive presenti al loro interno, che dimostreranno attenzione e sensibilità nei confronti delle persone affette da disabilità motorie, visive, psichiche (e per la prima volta anche le intolleranze alimentari, come la celiachia, saranno incluse tra le problematiche da affrontare) e che sapranno premurarsi per venire incontro alle loro necessità.
Le categorie che saranno prese in considerazione ai fini dell’assegnazione dei riconoscimenti sono: i Comuni, le strutture ricettive ed i bagni marini.
Il progetto inizierà con la stesura e la consegna di un questionario agli Enti ed alle strutture dei ventitré Comuni interessati all’iniziativa, al quale quest’ultimi dovranno rispondere, ottenendo un punteggio pari almeno al 50% del massimo ottenibile, rispondendo positivamente a tutte le domande poste nel questionario.
Seguirà una valutazione da parte degli organi della Regione promotori dell’iniziativa, dopo la quale si passerà a verificare l’esistenza di strumenti, iniziative ed informazioni a favore del turismo per persone disabili e giungendo infine a valutare le infrastrutture e le iniziative a favore delle persone disabili: dalle strutture di accoglienza, fino ai menù specifici per le diverse esigenze.
Se per le strutture ricettive e i bagni sarà sufficiente soddisfare almeno metà dei parametri richiesti, per i Comuni il criterio sarà raddoppiato: oltre al punteggio giunto dalle loro iniziative dovranno garantire che almeno il 10% delle strutture esistenti sul loro territorio si possano fregiare a loro volta di una bandiera lilla.
Le prime bandiere saranno consegnate a settembre, con la speranza di poter estendere quanto prima l’esperienza anche al resto della nazione.
L’assessore Lorena Rambaudi auspica di poter “fare delle verifiche concrete durante l’estate, coinvolgendo le associazioni di disabili”.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *