L’Emilia Romagna stanzia 2 milioni contro le barriere architettoniche

Pubblicato da: Iacopo Melio Categoria: Cronaca Data di pubblicazione: 9 Ottobre 2017

Si dimostra ancora una volta una tra le regioni più sensibili nei confronti della disabilità, quantomeno per l’abbattimento delle barriere architettoniche. E infatti, in questo caso, l’Emilia Romagna riconferma la propria battaglia contro gli ostacoli presenti all’interno di appartamenti e spazi comuni negli edifici privati dove alloggiano persone con disabilità: ben 2 milioni di euro vengono stanziati attraverso un nuovo fondo regionale per eliminare scale e scalini, ma anche passaggi stretti per le carrozzine o altre tipologie di ausili per la deambulazione, che sono rimasti “scoperti” dal fondo nazionale non più finanziato.

Un po’ di numeri

A giovare di tali contributi a fondo perduto saranno ben 633 famiglie (491 persone con invalidità totale mentre 142 con disabilità parziale), 122 di queste risiedenti a Bologna, selezionate attraverso un bando approvato dalla Giunta.

Parola all’assessore al Welfare

Così ha dichiarato la vicepresidente della Regione e assessore al Welfare, Elisabetta Gualmini:

“Rimuovere le barriere architettoniche è una necessaria attenzione alle esigenze delle persone disabili, che hanno diritto a potersi muovere senza ostacoli. Si tratta di una condizione di base per la qualità della loro vita e per potersi rendere il più possibile autonomi. Mettere in atto il principio della accessibilità è un punto importante delle nostre politiche sociali. Con il Fondo regionale, che abbiamo istituito per legge da alcuni anni, diamo risposte concrete alle tante persone e alle loro famiglie che hanno bisogno di essere aiutate finanziariamente per rimuovere gli ostacoli presenti nelle proprie case. L’inclusione e l’integrazione sociale delle persone affette da disabilità necessita anche di questo”.

 

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *