Le App che aiutano discalculia, disgrafia, disortografia e dislessia

Pubblicato da: Serena Castaldi Categoria: Curiosità Data di pubblicazione: 29 Luglio 2017

I disturbi dell’apprendimento si dividono in discalculia, disgrafia, disortografia e dislessia, spesso sono anche collegate tra loro e creano problemi a livello scolastico e personale.

Per scoprire se si hanno questi problemi è necessario effettuare dei test, le cui diagnosi sono in grado di accertare le abilità del bambino, se quindi esistono dei problemi neuropsicologici, cognitivi o emotivi.

Nel trattamento dei disturbi specifici dell’apprendimento (DSA), in particolare della dislessia, è subentrato l’utile impiego degli “strumenti compensativi informatici”. Il loro utilizzo previsto dalla Legge 170/2010, spesso si impiegano strumenti informatici utili come ad esempio LeggiXme.

LeggiXme è un programma gratuito, nato nel 2006 e continuamente aggiornato, che aiuta il bambino facilitando la lettura e la scrittura attraverso la sintesi vocale, dispone di un correttore ortografico parlante in 5 lingue, un dizionario in/dall’italiano, oltre ad una calcolatrice parlante ed un supporto per i libri digitali.

Ma da qualche tempo esistono anche delle App per tablet e cellulare, in grado di rispondere alle diverse esigenze dei bambini che soffrono di di questi disturbi; vediamone insieme qualcuna.

L’app. DSA è un’applicazione rivolta a famiglie e bambini, insegnanti, logopedisti e specialisti che operano nel mondo dell’istruzione e delle attività di recupero per i Disturbi Specifici dell’ Apprendimento.

L’app è divisa in tre sezioni: famiglie, insegnanti, attività e giochi e offre attraverso contenuti elaborati da psicologi, insegnanti e logopedisti nozioni ed approfondimenti mirati a divulgare la conoscenza dei disturbi specifici dell’apprendimento.

Può essere consultata dalle famiglie per imparare a riconoscere nei propri figli i segnali che possono identificare precocemente una difficoltà legata all’apprendimento, approfondisce l’itinerario diagnostico, gli aspetti psicologici, il percorso terapeutico, inoltre offre la possibilità di conoscere gli strumenti di sostegno economico messi a diposizione dalla previdenza sociale come l’indennità di frequenza.

La sezione dedicata agli insegnanti e i professionisti del mondo dell’istruzione offre una classificazione dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento come : Dislessia, Disgrafia, Discalculia, Disortografia, con contenuti redatti da specialisti che offrono nozioni e informazioni utili ad approfondire la conoscenza relativa ai DSA.

Un altra App è Artimeticando. Un applicazione in grado di aiutare anche i più piccoli ad avvicinarsi allo studio della matematica attraverso immagini e video. Grazie all’aiuto dei contributi audiovisivi ed agli esercizi mirati i bambini migliorano la loro capacità di comprensione e di memorizzazione.

L’app  iWinABC Dyslexia è disponibile su App Store e non su Android; un’applicazione per la lettura temporizzata di testi con scansione in sillabe o parole, dove il testo viene scandito in sillabe o parole e presentato nella pagina elemento per elemento, con persistenza automatica regolabile o controllata manualmente. Tutti i parametri dell’esercizio di lettura come le dimensioni del testo e l’ interlinea possono essere regolati e adattati, costruendo un percorso riabilitativo costante per incrementare in modo costante e stabile la velocità e la correttezza della lettura. La versione completa di iWinABC permette di aggiungere nuovi testi.

L’App Immaginario, è un’app dedicata a chi ha disturbi dello spettro autistico o non verbali con ritardo cognitivo. Permette di organizzare l’agenda quotidiana del bimbo attraverso un vocabolario di immagini, molte delle quali personalizzabili.

L’app Supermappe, contiene prima su tutte la sintesi vocale, ma è anche un utile strumento compensativo per la dislessia, i DSA e i BES. Le mappe, concettuali, cognitive o mentali, sono uno strumento utile per descrivere e rappresentare un argomento in maniera sintetica e visuale ed anche per prendere appunti a scuola e per studiare a casa, poichè facilitano la comprensione e la memorizzazione.

I bambini contano, è un App promossa da HPNR Onlus in collaborazione con Fondazione Vodafone Italia e Gruppo Sole 24 Ore ed offre dei metodi alternativi di insegnamento della matematica ed è rivolta principalmente ai bambini con problemi di discalculia.

“I bambini contano” non è didattica ma di potenziamento; si basa infatti sull’ approfondimento delle tabelline attraverso l’utilizzo di una tavola pitagorica dinamica. Inoltre tiene conto degli errori che il bambino compie nello svolgimento dei compiti e sulla base di questi programma l’esercizio successivo.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *