Google, borse di studio per studenti disabili

Pubblicato da: DisabiliNews Redazione Categoria: Curiosità Data di pubblicazione: 12 gennaio 2013

Le borse di studio per studenti disabili, messe a disposizione dal colosso di Internet Google, tornano anche quest’anno per premiare un centinaio di fortunati appassionati di informatica. In palio vi sono settemila euro e l’imperdibile opportunità di vivere qualche giorno all’interno degli uffici di Google a Zurigo a stretto contatto con oltre un centinaio di “colleghi” e studenti disabili provenienti da tutto il mondo.

I partecipanti alla competizione dovranno dimostrare di essere iscritti ad un corso di studi universitari – in una qualsiasi università riconosciuta in Europa – nel settore delle scienze informatiche e proporre un progetto proprio in lingua inglese. I candidati devono inoltre essere iscritti all’ultimo anno della laurea breve oppure ad un corso di Master o Phd per l’anno scolastico 2013/2014, essere cittadini e residenti permanenti all’interno dei Paesi europei.

L’idea alla base delle borse di studio per studenti disabili offerte da Google è quella di facilitare il superamento di eventuali difficoltà nello studio delle scienze informatiche, incoraggiando l’innovazione e le iniziative personali dei ragazzi più svantaggiati. Uno dei vincitori della borsa di studio messa in palio l’anno precedente, l’italiano Davide Mulfari, racconta la propria esperienza con parole ricche d’entusiasmo:

«La possibilità di contatto con i ricercatori di Google ci ha dato una visione dal di dentro delle applicazioni che sviluppano. Ci hanno raccontato un po’ della loro carriera, della loro formazione, del modo in cui sono stati assunti in Google e di quello che fanno. L’ambiente è davvero stimolante e non nascondo lavorare lì mi piacerebbe molto. Qualche speranza ce l’ho: il mio progetto ha riscosso interesse, tanto che nei mesi seguenti, tornato a casa, mi hanno richiesto ulteriori dettagli…»

Tutti i dettagli sul concorso sono disponibili online all’indirizzo:

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *