Free Style in Carrozzina – Aaron Fotheringham

Pubblicato da: DisabiliNews Redazione Categoria: Sport Data di pubblicazione: 2 Giugno 2012

È proprio dinanzi a ciò che state per vedere che le sfere si fermano di girare obbligandovi a riflettere… qualcuno ci ha definiti pazzi, ma già lo sapevamo che c’è ne sono più in gamba di noi… anzi più in carrozza!
È proprio dinanzi a ciò che state per vedere che dovreste incominciare a pensare che possedere una limitazione fisica e/o sensoriale non vuol dire essere deficenti, inutili o limitati in tutto.
È proprio dinnanzi a ciò che state per vedere che dovreste finirla con questi pregiudizi.
È proprio dinanzi a ciò che state per vedere che voi, dovreste incominciare a non dire più che siete inutili o che lo vostra vita sia conclusa.
È proprio dinnanzi a ciò che state per vedere che dovreste iniziare a reagire all’apparente ingiustizia della vita sfruttando al meglio tutto ciò che vi è rimasto.
È proprio quando incomincerete a capire che solamente chi, con determinazione, cerca di raggiungere dei traguardi trova i mezzi giusti per arrivare… al contrario di chi no vuol far nulla che trova sole delle scuse.
È proprio quando incomincerete a non fermavi più di fronte all’apparenza che la vita inizierà a sorridervi.
E ricordate: – Se volete potete trasformare la vostra sventura in una avventura!

Aaron Fotheringham, malato di spina bifida, è atleta di un piccolo, ma crescente gruppo di atleti d’elite della sedia a rotelle. Aaron è uno skateboarder della sedia a rotelle, o come preferisce chiamarsi, ‘un Hardcore Sitter’.

Gli skateboarders della sedia a rotelle fanno con le loro sedie a rotelle, quello che altri atleti fanno con i loro skateboards. Fanno volteggi e salti spettacolari da altezze stupefacenti cercando di non farsi male. Ma Aaron ha compiuto con la sua sedia a rotelle, quello che nessuno ha fatto mai prima. L’anno scorso, ha stupito con una girata di mid-air 180 gradi. All’età di 15 anni, Aaron è stata la prima persona nella storia a fare un somersault posteriore di vibrazione in una sedia a rotelle.

Aaron ha spiegato che ha preso circa 50 o 60 salti negli ammortizzatori, prima di tentare un salto su una rampa. Con 15 ulteriori tentativi, è riuscito a fare un atterraggio perfetto. Da allora ha compiuto circa 20 – 25 backflips riusciti.

Ma i salti di Aaron sono stati costosi. Si è rotto un gomito e ha riportato numerose contusioni.

John Box, di Colours Wheelchairs sponsor di Aaron, ha detto, ‘tutti noi siamo orgogliosi di Aaron e siamo i suoi più grandi fans. Aaron lavora molto duro per essere il migliore. Stiamo lavorando molto con lui allo sviluppo di migliori sospensioni per la carrozzina per permettergli di spingersi oltre i limiti.’

Quando è stato chiesto ad Aaron quante ore di pratica facesse, Aaron ha risposto: ‘non la considero pratica, ma un modo divertente di vivere la vita’.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *