Diverso da chi? da che cosa?… la Diversità è ricchezza

Pubblicato da: Alessio Giardini Categoria: #AleBlog Data di pubblicazione: 30 Ottobre 2018

Ciao mi chiamo Alessio per molte persone sono nato “diverso”, ma chi può permettersi di classificare, chi e come si rientra nella categoria dei “non diversi” o “normali”. Sono semplicemente stato me stesso, tenace ed intraprendente e non ho mai amato le classificazioni.

Diverso da chi?… da che cosa?…  perché un disabile è un diverso?…

Sono considerato diverso perché nella mia vita ogni piccolo obiettivo è stato sempre caratterizzato da battaglie. Oppure per il fatto che mi sono sempre messo in gioco nonostante i miei limiti. Ho sempre reagito a tutte le avversità con il sorriso, che fortunatamente non mi è mai mancato.

Sapevo benissimo che non sarebbe stato facile, ma la vita è un immenso dono, che ognuno di noi deve sfruttare a pieno. Bisogna combattere sempre anche per le cose più stupide.

I tantissimi sguardi addosso della gente a volte mi facevano sentire “sbagliato” e fuori luogo. Non riuscivo proprio a comprendere perché la gente avesse così tanta curiosità nel guardarmi.

Ero semplicemente un bambino comune che voleva vivere la sua infanzia come tutti. Non potevo correre, ma potevo giocare, sognare e fare grandi progetti. Non potevo saltare, ma potevo comunicare la mia creatività. Ero un bambino con un cuore, una mente e un’anima, con tanta grinta e voglia di vivere.

Diverso da chi? da che cosa?

Nella mia vita è capitato di sentirmi fuori luogo, discriminato e trattato con sufficienza. Questo grave errore che la società commette discriminando tutti e tutto è la piaga più grave per l’evoluzione della società.

Non avrei mai potuto immaginare la mia vita in un corpo sano. Non ho mai rinnegato la mia condizione, ho cercato di apprezzare le mie doti invece delle mie debolezze. È stata una battaglia costellata di insuccessi ma anche tantissime Vittorie, che mi hanno dato la forza nei momenti di tristezza e di forte depressione.

Le cicatrici sul mio corpo testimoniano il numero di volte che ho dovuto rialzarmi. Reagire al dolore e andare avanti, senza arrendersi, anche se le ferite più grandi sono quelle che rimangono dentro di noi e non si vedono. Come quando cadi da cavallo e devi subito rimontare in sella,

non esitare Sì coraggioso!

Dopo 35 anni di esperienza acquisita sono pronto a continuare a lottare e gridare al mondo che non mi sono mai arreso perché questa vita, nonostante tutto come dice anche Beatrice Vio

la Vita è una figata pazzesca!

La vita è un dono e mi sento fortunato di farne parte come protagonista, invece di restare nascosto nell’ombra. Molti considerano i disabili un peso della società ma per tutte le persone che mi conoscono veramente come la mia famiglia e gli amici i pochi veri, sanno che anche io sono una risorsa.

perché un disabile è un diverso

Molti pensando una persona disabile associano questa figura all’incapacità, è una grave barriera mentale. Un pregiudizio che è molto lentamente si sta sgretolando, ma come ogni pregiudizio richiede molto tempo. Nell’era della condivisione multimediale abbiamo potuto vedere i successi di campioni che hanno ispirato tante persone in difficoltà nel mondo. Grazie a questi modelli di esempio come Beatrice Vio, Alex Zanardi le persone hanno incominciato ad uscire dal tunnel dell’ignoranza.

Ora possiamo ammettere che il pregiudizio è un’antipatia fondata su una generalizzazione falsa e inflessibile mentre la diversità arricchisce.

In questi anni ho potuto capire definitivamente che la parola normalità è essenzialmente soggettiva. Fortunatamente siamo tutti diversi non esistono due alberi uguali, non esistono due cani uguali e non possono esistere due persone uguali.

L’esperienza mi ha portato a credere nelle piccole grandi cose della vita, trascurando il giudizio di chi non credeva in me. Ho imparato a fare affidamento soprattutto su me stesso e cercare la forza dentro di me.

Non voglio vivere una vita di apparenze, voglio circondarmi solo di persone con valori che credono nella libertà di sentirsi se stessi apprezzando le infinite diversità dell’umanità.

Anche se a volte questa vita ci fa venire il nodo in gola… la Vita è una figata pazzesca!

 


Una Selezione di prodotti ed ausili per disabili disponibili su Amazon

  • Poltrona alzapersona Ponza Relax, elettrica reclinabile con telecomando

    0 out of 5

    Poltrona MOD. Ponza, Relax ELETTRICA, 2 Motori INDIPENDENTI, Sistema ALZAPERSONA Telecomando, Tessuto Antimacchia Arancio – Iva 4% Già APPLICATA 

    • Poltrona RELAX con 2 MOTORI indipendenti con TELECOMANDO multifunzione
    • Sistema LIFT 2 Alzapersona su e gi elettrico + Reclinazione SCHIENA e GAMBE Tessuti Garantiti 5 anni sull’usura, Certificati OEKO-TEX, non tossici per l’uomo
    • Motori CERTIFICATI CE – Made in Italy – Garanzia e Assistenza 2 Anni – Prezzo Con Iva 4% Già applicata. Richiesta documentazione obbligatoria (vedi Dettagli Ordine)
    • Misure Ingombro Esterno: L. 73 cm – P. 70 cm – H. 104 cm Seduta: Larghezza 51 cm, Profondità 48cm, Altezza da terra 48cm | Portata: 90Kg
    • La Spedizione Avviene Tramite Corriere Espresso e LA CONSEGNA AVVERRÀ SEMPRE AL CIVICO (PIANO TERRA) Salvo Specifica Richiesta In Fase D’ordine
    554,00
  • Bellavita Sollevatore per vasca da bagno Bianco per la massima comodità

    0 out of 5

    Bellavita Sollevatore per vasca da bagno. Il sollevatore è un pratico Ausilio per facilitare i movimenti di entrata e uscita dalla vasca da bagno, rendendo autonomo l’utilizzatore. Il sollevatore elettronico vasca da bagno è ideale per le persone anziane e tutti i disabili con ridotte funzionalità di movimento.

    • Sollevatore per vasca da bagno dal design ergonomico per un maggiore comfort
    • Schienale reclinabile;
    • Sedile basso per assicurare un buon livello di immersione nella vasca da bagno
    • Facile da installare e mettere in funzione;
    • Dotato di pratico comando manuale;
    • 4 ventose antiscivolo, ad attacco rapido per assicurare il sedile alla vasca;
    • Rivestimento lavabile, igienico, comodo
    257,00
  • Apri barattoli antiscivolo, permette di svitare facilmente ogni coperchio

    0 out of 5

    Apri barattoli antiscivolo e resistente, permette di svitare facilmente il coperchio, per persone anziane, affette da artrite e persone con poca forza…

     

    Talvolta ti senti frustrato e arrabbiato quando non sei in grado di aprire barattoli o bottiglie?

    Questo apri barattoli è la soluzione ideale ai tuoi problemi, acquistalo ora.

    Anelli di otto dimensioni per adattarsi a una vasta gamma di barattoli e bottiglie. Dai tappi delle bevande gasate ai piccoli vasetti di sottaceti ai vasetti di maionese di medie dimensioni fino ai barattoli di burro di arachidi in formato famiglia.

    Impugnatura facile da impugnare, antiscivolo, ergonomica, di uso abbastanza facile e senza sforzo per essere utilizzato da bambini, anziani e persone con artrite.

    Compatto e sottile, facile da conservare e pulire. Fatto polipropilene e gomma di grado alimentare di alta qualità, design resistente di lunga durata.

    3,41
  • Siblings. Crescere fratelli e sorelle di bambini con disabilità di Andrea Dondi 

    0 out of 5

    Nell’esperienza quotidiana di una famiglia con un figlio con disabilità, tra impegni di cura e accompagnamento, a volte è difficile dare spazio agli altri figli. I siblings vivono un’esperienza di crescita che può essere a tratti faticosa, in una chiamata implicita a essere responsabili, indipendenti, sempre comprensivi. Questo libro si propone di dare loro voce, aiutando i genitori a cogliere, nelle diverse fasi di crescita, l’enorme ricchezza del loro sguardo sulla disabilità (e il modo in cui questa li sta forgiando), ma anche a combattere alcuni pericoli, come l’eccessiva solitudine o la paura del futuro. Attraverso la pluriennale attività di Fondazione Paideia e le più importanti esperienze internazionali sui fratelli sani di persone con disabilità, questo è il primo volume in Italia a offrire ai genitori un percorso sui temi educativi e affettivi centrali nella vita di tutti i figli.

    15,30
  • Limiti. Cronaca riflessa di un viaggio «gamba in spalla» di Roberto Bruzzone

    0 out of 5

    Roberto Bruzzone, noto ai più come Robydamatti, il camminatore con la gamba in spalla, è un giovane uomo che qualche anno fa, a seguito di un incidente in moto, ha perso una gamba, ma non per questo ha smesso di scalare montagne e di camminare per il mondo.

    Al rientro dalla sua ultima avventura – 2.000 chilometri di strade e sentieri sulle tracce degli Inca, tra Perù e Bolivia – ha mostrato il suo diario di viaggio all’amico Federico Blanc, anch’egli paratleta, e insieme hanno deciso di trarne un libro emozionante e divertente, in cui ci raccontano in modo pragmatico e non retorico come un disabile, pur faticando a ritrovare se stesso, possa gradualmente riappropriarsi della propria vita e contagiare il prossimo con il suo entusiasmo.

    Un libro che, parlando di dislivelli superati, eventi atmosferici e incontri inaspettati, può dare a tutti noi una gioiosa lezione sulla differenza che passa fra vivere e sopravvivere.

    14,02

 


Puoi trovare interessante leggere Beatrice VioAlex ZanardiNicholas James VujicicIacopo MelioMassimiliano SechiNiki Leonetti oppure le raccolte di: Frasi sulla disabilitàFrasi MotivazionaliFrasi importanti sulla VitaFrasi disabilità e SportFrasi sulla determinazione e aforismi sulla tenacia.

Oppure puoi consultare le sezioni di Approfondimenti come Ausili per disabilisport per disabiliviaggi per disabilibiografie e Testimonianze… oppure le recensioni sugli ausili.

Entra nel Gruppo Facebook Disabilinews.com


Mi piacerebbe tanto leggere un tuo COMMENTO…
vorrei scoprire dove trovi la tua forza per superare le tue Sfide

Condividi questo post

Comment (1)

  • Avatar
    Emilia Migliosi rispondere

    Cosa vuoi commentare Alessio, hai già detto tu, tutto quanto c’era da dire 😉⁉ Come tata che ha il privilegio di occuparsi anche di una bimba speciale 👩, posso solo dire che è molto più quello che ho imparato standoci insieme, di quello che ho fatto io per lei❣ 🤗

    28 Settembre 2018 a 16:32

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *