Con la lettera di Natale chiedo che il mio parcheggio per disabili resti libero

Pubblicato da: Alessio Giardini Categoria: #AleBlog Data di pubblicazione: 15 dicembre 2017

Con la lettera di Natale chiedo che il mio parcheggio per disabili resti libero

Non ci potete credere ma anche qui in Germania rispettare il parcheggio per disabili non è una consuetudine.

Da 4 anni vivo di fronte a un piccolo supermercato, molto pratico perché ho sempre tutto a disposizione a due passi.  il rovescio della medaglia di vivere vicino supermercato il problema dei parcheggi. Chiunque vorrebbe entrare direttamente dentro con la macchina anche se c’è un parcheggio riservato ai clienti a 100 mt.

Con la lettera di NataleIo sono riuscito a farmi fare il parcheggio per disabili riservato numerato quindi personale. Ma purtroppo lo stesso problema che avevo in Italia è un po’ ovunque.  Infatti anche i tedeschi parcheggiano sui parcheggi dei disabili senza avere nessun diritto. Anche loro si giustificano dicendo: ma era #solounminuto …  una volta una signora mi voleva dare €5 per il disturbo.

Oggi ho finalmente scritto una lettera al supermercato perché non ho più intenzione di sopportare tutto questo. Mi sono divertito molto a scriverla, ho utilizzato uno stile pungente  trasformandola in una letterina di Natale, con un senso più profondo.

vi riporto la lettera in italiano, scritta per rivendicare il mio parcheggio per disabili:

Gentili vicini,

Vi scrivo per augurarvi un buon Natale è un felice anno nuovo. Prendo occasione con questa lettera di rendervi a conoscenza della mia situazione. Sono Alessio Giardini, colpito sin dalla nascita da Neuropatia Sensitivo Motoria degenerativa.

Vivo in questa strada da 4 anni, in questo periodo ho cercato di avere tutta la pazienza possibile in merito all’occupazione del mio parcheggio dei disabili dai clienti del vostro supermercato. Visto che siamo a Natale e siamo tutti più buoni è questo il periodo giusto per riflettere e cercare di immedesimarsi anche nei problemi degli altri.

Sono venuto da voi, molto spesso a segnalarvi questo problema, ma in questi tre anni non ho mai visto prendere provvedimenti per tutelare i miei diritti inalienabili. Voi siete un’azienda e dovete produrre ma anche io sono titolare di due attività, e non vivo alle spalle dello stato tedesco. Tutte le mezz’ore che spreco attendendo in auto il mio parcheggio libero, nessuno me le rimborsa.

Parcheggio per disabili Oltre a dover sopportare la tragedia della mia malattia e convivere con tutte le mie problematiche ogni giorno più grandi e gravi, devo sopportare l’umiliazione di non essere rispettato per un diritto.

Come regalo per questo Natale chiedo che mi venga riconosciuto il diritto di usufruire del mio parcheggio liberamente, senza avere ansia di trovarlo occupato.

Confido nella vostra comprensione per trovare la soluzione migliore per risolvere questo problema, in quanto non intendo incominciare un nuovo anno con le stesse problematiche.

Qui di seguito vi riporto alcune delle foto che sono riuscito a scattare in un periodo compreso tra ottobre a questo dicembre.

In fede, porgo Buone Feste.

 

Ora attendo un qualche tipo di reazione dai titolari del supermercato. Vi terrò aggiornati sugli sviluppi!

 

Lascia un Mi Piace!

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *