Dove c’è talento non esistono barriere

Pubblicato da: Andrea Bes Categoria: Caffè Disabili Data di pubblicazione: 29 marzo 2017

ROMA – L’Arte nel Cuore, la prima Accademia al mondo di formazione artistica per ragazzi disabili e normodotati.

La particolarità, o sarebbe meglio dire la normalità, di questa scuola è data dal fatto che disabili e normodotati  frequentano i corsi assieme perché, come recita lo slogan dell’Accademia, “Dove c’è talento non esistono barriere”.

Purtroppo anche nel campo artistico i disabili sono esclusi e questa scuola va a colmare proprio questo vuoto, svolgendo un ruolo importante nell’ambito dell’integrazione, il tutto in un ambiente privo di barriere architettoniche.

Si tratta di un percorso formativo che mette i ragazzi nella condizione di poter esprimere  le loro qualità artistiche.

Nata nel 2005 da un’idea della sua presidente, Daniela Alleruzzo, vanta collaborazioni importanti con celebri musicisti e artisti, tra cui Alessio Boni, Tony Esposito, Giorgio Marchesi, Lino Guanciale e Giorgia Wurth.

Il piano didattico è ben articolato e offre ampie possibilità di scelta.

CORSO ACCADEMIA (dai 16 anni in poi):

  • Recitazione
  • Regia
  • Danza
    Indirizzo Classico; Indirizzo Moderno
  • Canto e musica
    Canto; Percussioni; Pianoforte; Chitarra; Batteria
  • Scrittura creativa e drammaturgica
  • Arti figurative
    Scenografia; Trucco e Parrucco; Fotografia; Costume

CORSO SCUOLA (dai 13 anni in poi):

  • Teatro

Corso di recitazione (arti espressive e creative)

  • Musica

Canto; Musica facilitata/percussioni; Pianoforte/chitarra/batteria

  • Danza
    Corso di moderno; Contact improvisation; Dance ability
  • Corso di fotografia

CORSO BIMBI (dai 6 ai 12 anni):

  • Danza
    Corso di moderno

I ragazzi possono mettere in pratica ciò che hanno imparato. Ad esempio hanno realizzato  quattro cortometraggi: “Il Riscatto”, “Silenzio”, “Evoluzione violenta”,  realizzato in occasione della giornata internazionale contro il femminicidio, e “Oltre la linea”, prodotto dalla Federazione Italiana Sport Disabilità Intellettiva Relazionale  in collaborazione con il  Coni. Altro esempio è “Perché sono Down non posso interpretare Totò?”, recitazione teatrale che potrete vedere nel video in allegato.

Ma c’è molto altro da scoprire, come il fumetto “Four Energy Heroes”, basta andare sul sito internet dell’Associazione   http://www.artenelcuore.it/ e le sorprese non mancheranno.

E dove c’è talento non mancano i premi, come il Premio Anima 2013 per la sezione teatro.

Dunque un sogno che diventa realtà, se sentite che nel vostro futuro c’è l’arte iscrivetevi, ora anche i disabili possono dimostrare il loro talento.

Andrea Bes

Condividi questo post

Comments (2)

  • ALDO E SALVATORE ZOLFINO rispondere

    INUTILE DIRTI CHE SON SIA AMICO TUO COME MIO FRATELLO ALDO ZOLFINO E SALVATIORE ZOLFINO CHE SIAM SU FACEBOOK CHE A TUTTI I TUOI CONTATTI TALENTUOSI ED UNITEVI A TUTTI I NS,.DISTINTI GRUPPI,NOTE E PAGINE E POI VOGLIAMO RECENSIRTI INSERISCICI TUA BIOGRAFIA OK?

    5 maggio 2017 a 17:49

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *