Barriere architettoniche, “I Futuri Geometri” progettano un viale completamente accessibile

Pubblicato da: DisabiliNews Redazione Categoria: Curiosità Data di pubblicazione: 10 Giugno 2013

Gli studenti dell’istituto tecnico Geometri ideano e progettano una via “ad hoc” per le persone diversamente abili e vincono a Roma i premi nazionali del Fiaba (Fondo italiano abbattimento barriere architettoniche) e del Miur, su una rappresentativa di 21 istituti venuti da tutta Italia.

L’associazione Fiaba e il ministero dell’Istruzione hanno premiato al Senato le scuole vincitrici della prima edizione del Progetto “I Futuri Geometri progettano l’accessibilità”. L’iniziativa ha coinvolto una ventina di Istituti Tecnici per geometri di tutta Italia.
Un progetto suddiviso in quattro stralci per rendere una via centrale della città a misura di disabile. Il progetto, voluto dall’istituto superiore per geometri assieme al collegio dei Geometri, ha vinto a Roma il premio nazionale del Fiaba, il Fondo italiano abbattimento barriere architettoniche, e del Miur su una rappresentativa di 21 istituti venuti da tutta Italia. I ragazzi hanno analizzato la via dove sorge la loro scuola, verificando gli accessi negati, e hanno riscontrato quattro situazioni di criticità per disabili. Il progetto prevedeva interventi comprensivi delle previsioni di spesa suddivise per “stralci” e interventi realizzabili anche in più lotti.

A vincere il premio sono stati i progetti dell’Istituto ‘Faravelli’ di Stradella (Pavia), l’istituto ‘Franchetti-Salviani’ di Città di Castello, il ‘Manetti’ di Grosseto, il ‘Leonardo Sinisgalli’ di Senise, il ‘Francesco Cucuzza-Euclide’ di Catagirone. Premio speciale al ‘Leon Battista Alberti’ per il progetto per l’accessibilità del Parco del Ninfeo all’Eur.
«Accogliamo con grande favore questo regalo, frutto di un attento lavoro e del felice connubio tra lo studio in classe e la possibilità di mettere in pratica quanto appreso sui banchi – dichiara il sindaco di Grosseto, Emilio Bonifazi -. Potrà diventare un valido strumento per nuovi interventi di messa in sicurezza e abbattimento delle barriere architettoniche». Il progetto ha un costo complessivo di circa 20 mila euro, ma prevede al suo interno, anche mini lotti da circa 3 mila euro.

Luciana Pericci, Consigliere Nazionale dell’Uic e coordinatrice del Tavolo Disabilita del Forum Provinciale Terzo Settore di Grosseto, ha poi espresso la necessità di lavorare insieme «tecnici e disabili» nell’intento di garantire a tutti di vivere pienamente e in sicurezza la città, cosa che si può fare anche con piccoli progetti, senza «costi faraonici». «Il nostro istituto sta cambiando – hanno ricordato gli insegnanti della scuola sottolineando la qualità raggiunta dagli studenti -è importante coniugare pianificazione del territorio e qualità ambientale».
Il progetto è nato in collaborazione con il Forum Provinciale, Tavolo Disabilità, assessorati sociale e cultura del Comune di Grosseto, Collegio dei Geometri di Grosseto, Miur di Grosseto, istituto tecnico superiore “L. Einaudi” e associazioni provinciali sulla disabilità.

Lorella Ronconi

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *