8 persone con disabilità di maggiore successo

Pubblicato da: Alessio Giardini Categoria: #AleBlog Data di pubblicazione: 20 Ottobre 2017

In questo post ho voluto portarvi storie di persone con disabilità molto conosciute che hanno trasformato la percezione della loro disabilità in un dono, da sfruttare. Posso capire che pensare a una disabilità come un dono può suonare strano. Ma queste persone sono riuscite a trovare la loro strada.

Ecco le 8 persone con disabilità di maggiore successo:

1. Ha perso la vista e l’udito all’età di 19 mesi, Hellen Keller è stata la prima persona sordomuta a guadagnare una laurea.

2. Nonostante sia stato diagnosticato ALS quando aveva 21 anni, Steven Hawking è uno dei fisici più importanti del mondo.

3. Sorda da quando aveva 18 mesi Marlee Matlin è una delle attrici più complete ed è l’unica attrice sorda a vincere gli Academy Awards.

4. Stevie Wonder nato cieco è uno dei più famosi cantanti e musicisti del nostro tempo.

5. Marla Runyan è un corridore americano primo atleta cieco che mai potuto competere alle Olimpiadi.

6. Nasce con distrofia muscolare, Ralph Braun ha creato il primo furgoncino accessibile per la carrozzina con il solo controllo della mano. Si è impegnato a portare la libertà nella mobilità alle persone con disabilità.

7. Bethany Hamilton ha perso il braccio in un attacco di squali quando aveva solo tredici anni. Questo non l’ha arrestata e oggi è una delle migliori donne serfiste del mondo.

8. Nasce senza arti Nick Vujicic ha lottato fin da bambino, mentalmente ed emotivamente e fisicamente. Ora ispira milioni di persone ogni giorno a vivere una vita senza limiti.

 

La disabilità è una questione di percezione. Se può fare bene una cosa, falla. Quello che passi non ha bisogno di definirti, non deve consumarti o abbatterti… Puoi essere più forte !!!

Tutte queste persone con disabilità hanno fatto una SCELTA e sono una grande ispirazione per coloro che pensano che le loro vite siano finite …

Qual è la tua SCELTA?…

raccontacela nei commenti…

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *